martedì 28 giugno 2011

C'è del buono in Danimarca

L’Europeo under 21 appena concluso ha confermato l’ottimo stato di salute di due movimenti calcistici, quello spagnolo e quello svizzero, e poco altro. Escludendo le selezioni di Milla e Tami, finaliste con pieno merito, il resto delle partecipanti si è distinta per la scarsità di idee e un gioco raramente propositivo. Quanto mostrato da Spagna e Svizzera è però sufficiente per affermare che c’è del buono in Danimarca.
(Articolo completo su Il mondo siamo noi).

sabato 25 giugno 2011

UEFA 2011 European Under-21 Championship Final: Switzerland v Spain match preview

Writing History
From underdogs to the tournament’s most efficient team, Switzerland’s march to the final has been spotless. With four wins out of four and no goals conceded, the Alpine nation are the first country to have reached the Under-21 final with a perfect defensive record. Coach Pierluigi Tami has skillfully melded together a group of talented players – four were in the Swiss squad that lifted the FIFA Under-17 World Cup in 2009 – into a solid and perfectly organized team.

Like their opponents in this final, Spain, Switzerland showed their squad is full of players able to make the difference; right-winger Xherdan Shaqiri was Man of the Match against Denmark and the Czech Republic; Fabian Frei and Innocent Emeghara were key in the defeat of Iceland; the striker with African roots was vital too against Belarus. Finally, a superb four-men defence led by goalkeeper Yann Sommer, has kept clean sheet after clean sheet, conceding not a single goal in 390 minutes of play.

However, it was striker Admir Mehmedi who wrote a glorious page of his country’s footballing history, with a powerful shot that defeated a tough and defensive-minded Czech Republic outfit in extra-time, that booked Switzerland’s slot in this final. And together with a place in the Under-21 final, the Swiss have also qualified for the London Olympics, their first time at the games since 1928. Now facing the Spanish, Tami’s men swear their fairytale is not finished

Triple Crown In Sight
The abyss loomed for tournament favourites Spain in the semi-final, as Luis Milla’s side came within a few minutes of being eliminated – the Spanish were one goal down against outsiders Belarus. The masters of ball possession seemed unable to break the barricades raised up by a well-disciplined Eastern European side, despite controlling the game from the kick-off; it took 89 minutes for the tournament’s leading scorer Adrian Lopez to break down Belarus’ wall.

Apart from Adrian, coach Milla himself could claim to have the biggest impact on the encounter. Substitutes Diego Capel, Jeffren and Bojan Krkic proved themselves vital in the Spanish side’s comeback, providing one goal and two assists between them. Spain’s boss now faces a number of tough decisions ahead of the final, especially when it comes to deciding which two wingers should support Juan Mata and Adrian up front.

With an imperious playmaker in the form of Barcelona’s Thiago Alcantara in midfield, a solid defensive unit led by potentially world-class goalkeeper David de Gea, and two full backs – Martin Montoya and Didac Vila – who consistently provide support, Spain and their tiki-taka football are confident of lifting the European Under-21 title.

Players to watch
Switzerland – Admir Mehmedi: With three goals to his name Admir Mehmedi is Switzerland’s top scorer. Possessing great technique and an ability to create space, Tami deploys the striker in the centre of his team’s attack. A regular at Swiss Super League side Zurich, Mehmedi has been given first team football ahead of bench-warmers Mario Gavranovic (Schalke) and Nassim Ben Khalifa (Wolfsburg).

Spain – Adrian Lopez: This is a predatory striker finishing a troubled season in style. Adrian Lopez suffered the pain of relegation from La Liga with Deportivo La Coruna, but has forgotten those difficult times with five goals in four games for Spain, including two braces that handed his country victories over the Czech Republic and Belarus respectively. Adrian has justified the faith Milla has placed in him, and despite not boasting a strong physique, the hitman is lethal in the box.

Match Prediction
On paper Spain start this final as clear favourites: 14 players in their squad have been involved with various Spanish youth teams in international finals, and 12 of those were successful in lifting silverware. Moreover, many of the Spanish have enhanced their first team experience by turning out for clubs such as Barcelona, Valencia and Atletico Madrid, while their opponents featured only for the likes of Basel, Zurich and Sassuolo.

However, Switzerland have shown they have enough talent and tactical organisation to perform at the highest levels of the game. And the lack of a win-at-all-costs attitude and the pressure this generates could be the Swiss’ secret weapon. The Alpine country also won the 2009 FIFA Under-17 World Cup, a tournament in which no one predicted the side would finish as champions. History can repeat itself here. Switzerland 2-1 Spain.

Fonte: Inside Futbol

Euro under 21: Con la Spagna sorpresa svizzera in salsa italiana

Epilogo con sorpresa agli Europei under21 in Danimarca, dove toccherà alla Svizzera contendere il trofeo alla favoritissima Spagna (oggi ore 20.45 ad Aarhus, arbitro Tagliavento). La matricola elvetica, alla prima finale della sua storia, contro i re mida del calcio odierno, già due volte campioni under21 in passato. Eppure l’esito del confronto si prospetta meno scontato del previsto; se infatti la Spagna ha rispettato il copione deliziando con quel tiki taka diventato ormai il marchio di fabbrica del movimento calcistico iberico, è stata la Svizzera a compiere il percorso netto. Quattro partite, quattro vittorie e zero gol subiti. Mai prima d’ora una squadra era approdata in finale con la porta inviolata.

Un’impresa, quella elvetica, che batte anche bandiera italiana. È l’Italia di provincia quella che ha fornito diversi elementi alla selezione del ticinese Pierluigi Tami: Sassuolo, Brescia, Padova, Palermo. Gente che questa sera si troverà di fronte giocatori di Barcellona, Valencia, Atletico Madrid e Athletic Bilbao. Giocatori come Mata e Javi Martinez, che nell’estate 2010 tornavano dal Sudafrica con la coppa del mondo. Eppure in Danimarca il miglior difensore dell’Europeo risponde al nome di Jonathan Rossini, cartellino in comproprietà tra Sampdoria e Udinese, reduce da una stagione in B nel Sassuolo. Ha impressionato tutti per personalità, senso tattico e pulizia negli interventi, ricordando a tratti il giovane Nesta. Nei 390 minuti di imbattibilità del portiere Yann Sommer c’è tanto di suo.

Un altro protagonista con i rossocrociati, che grazie alla finale raggiunta tornano alle Olimpiadi per la prima volta dal 1928, è Gaetano Berardi, esterno sinistro nel Brescia, terzino in nazionale. La fama era quella di cursore dai piedi ruvidi, il campo ha proposto un laterale veloce, difensivamente accorto e utile nel supporto alla fase offensiva. Non bello ma efficace; una squadra ha bisogno anche di giocatori così. In mediana invece ha dovuto lottare per trovare spazio il mediano del Padova Xavier Hochstrasser, la cui fisicità è stata però fondamentale in semifinale contro i gladiatori della Repubblica Ceca. Chiudono il cerchio le riserve Fabio Daprelà (Brescia) e Pajtim Kasami (Palermo). Magari toccherà proprio a loro regalare il lieto fine a questa favola svizzera spruzzata di tricolore.

Fonte: Il Giornale

venerdì 24 giugno 2011

Swiss Super League boosted by Servette and Lausanne

The end of the season in Switzerland’s Challenge League – the country’s second tier –has seen two of the Alpine nation’s most important clubs return to the top flight: Lausanne and Servette. The duo finished first and second respectively, with Lausanne directly promoted, while Servette needed to see off ninth placed Super League outfit AC Bellinzona in a relegation/promotion playoff.

Both Lausanne and Servette hail from Switzerland’s French-speaking area, and are two pieces of the country’s footballing history. Lausanne have picked up seven titles and nine cups, and even made an impact on the European stage too, reaching the semi-final of the UEFA Cup in 1958 and making the quarter-final of the Cup Winners Cup seven years later. In the 1960s, the club gained the nickname “Kings of the Night”, as during a spate of evening fixtures the side proved virtually unbeatable at home. Lausanne’s glory days ended in the 2001/02 campaign though with relegation due to financial problems. Just a year later the club was bankrupt and had to begin anew in the fourth tier.

Servette suffered a similar fate in 2005, being declared bankrupt due to debts of over 10M Swiss Francs. It was the saddest moment in the club’s history because, at the time, the Geneva-based outfit were the only side to have remained in Switzerland’s top flight since its creation in 1890. Les Grenats claim 17 titles and seven cups to their name. The club hit the heights in the 1979/80 season when, led by Umberto Barberis and Claude “Didi” Andrey, they won every competition they entered, with the exception of the Cup Winners Cup, where Fortuna Dusseldorf put an end to their European dream in the quarter-final, even though Servette had lost neither the home or away game.

Last season, both Lausanne and Servette staged an impressive recovery in the Challenge League. After 23 games, with just seven left to play, the duo found themselves 14 points behind leaders Lugano and eight off second placed Vaduz. Lausanne though proceeded to win all their final seven games, while Servette won six (losing only against relegation candidates Locarno). However, the revival would still not have been possible but for Lugano and Vaduz’ slump, and their final third and fourth placing respectively meant another season in the Challenge League.

For Lausanne, the road to recovery can be traced back to last season, as the club unexpectedly reached the Swiss Cup final. Despite being thrashed 6-0 by Super League heavyweights Basel, the second tier hopefuls gained the Europa League spot gifted to the cup winners – Basel had Champions League fish to fry. Taking into account their Challenge League status, Lausanne’s European adventure was impressive, reaching the Europa League’s group phase after seeing off Bosnian upstarts Borac Banja Luka, Danish side Randers and Russian giants Lokomotiv Moscow in the qualifying playoff rounds.

But for the pleasure of a European run, it needed a Europa League exit to truly allow Lausanne take off in the Challenge League. Key players for coach Martin Rueda’s team were the attacking pair of Carlos Silvio and Jocelyn Roux, Brazilian midfielder Rodrigo Tosi and youngsters Guillaume Katz (centre back) and Michel Avanzini (midfielder).

While Lausanne’s strongest attributes were consistency and a never-say-die attitude, Servette were widely considered the most attractive team in the Challenge League. Technically gifted stars like Brazilian free-kick master Antonio De Azevedo (13 goals), left winger Matias Vitkieviez (11 goals) and the club’s top scorer Eudis (15 goals) clearly demonstrated that they can perform at a higher level. Right back-cum-midfielder Vincent Ruefli and centre back Patrik Baumann (who scored a vital brace against Bellinzona in the playoff second leg) chipped in too.

Servette chairman Majid Pishyar has made good on a promise he made alongside Portuguese coach Joao Alves to “take Servette back to where they belong” in 2009. At the time, Alves had five promotions to his name – four in Portugal and one in Spain. Returning to the Super League though is just a first step for Pishyar, who is aiming for Les Grenats to win the title by 2014.

While that is a big ask, one thing is indeed certain: With Lausanne and Servette involved, the 2011/12 Super League looks set to be more competitive than ever.

Fonte: Inside Futbol

Ibrahimovic bomber in Lussemburgo

Ibrahimovic capocannoniere in Lussemburgo? E’ accaduto anche questo nella stagione calcistica 2010/11. L’Ibra in questione si chiama Sanel, è un attaccante bosniaco classe ’87 e non ha nessun legame di parentela con il campione del Milan. La porta però riesce a inquadrarla piuttosto bene, tenendo alto l’onore di un cognome pesante come un macigno. Ex giocatore professionista di calcio a cinque in Bosnia, da un paio di stagioni Sanel Ibrahimovic si guadagna la pagnotta nel Wiltz, piccolo club del Ducato presentatosi nella massima divisione vestendo gli scomodi panni della neopromossa già spacciata in partenza. Un pronostico che Ibrahimovic, punta unica nel prudente 4-5-1 del Wiltz, ha fatto di tutto per sconfessare: con 18 gol e 6 assist, il bosniaco ha messo lo zampino nel 63% delle reti realizzate dal proprio club. La retrocessione è arrivata lo stesso, ai play-out. Ma nemmeno il vero Ibrahimovic avrebbe potuto salvare una squadra che ha chiuso con 78 gol incassati in 26 partite, una differenza reti pari a –40 e la sconfitta più pesante di sempre in BGL League: 0-15 contro i campioni del F91 Dudelange. “Con loro avrei chiuso a quota 30 gol”, ha dichiarato Sanel, appena acquistato dal Hamm Benfica per 35mila euro, “perché giocano con tre punte e sempre all’attacco”. Come piace a tutti i bomber.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

mercoledì 22 giugno 2011

Euro Under-21 Semi-Final: Switzerland v Czech Republic Preview

No longer underdogs
Switzerland’s performances have improved game by game: a difficult but deserved 1-0 win against Denmark in their first game; a comfortable 2-0 victory over Iceland; an easy 3-0 win over Belarus. Coach Pierluigi Tami has developed the Swiss into the most impressive team at the tournament, alongside Spain. Unlike the Spanish though, Switzerland won their group with nine points and clean sheets galore, thanks to a superb defence marshalled by centre back Jonathan Rossini and goalkeeper Yann Sommer (a key figure in the opening win).

Tami has made all the right calls in Denmark; the coach moved left-footed Xherdan Shaqiri to the right; deployed striker Innocent Emeghara as a left winger to better utilise his pace; put Granit Xhaka at the heart of a five-man midfield as a playmaker, well protected by defensive midfielder Fabian Lustenberger and factotum Fabian Frei. Tami also finally opted for attacking all-rounder Admir Mehmedi, leaving experienced Bundesliga-playing Mario Gavranovic and Nassim Ben Khalifa. Under Tami, playing abroad does not hand a player any guarantees, as seven Swiss Super League players in the first eleven confirms.

Substance over style
A dramatic late comeback in the last group game against England booked the Czech Republic a well-deserved ticket to the semi-finals. Despite the English boasting more talented players on paper than the Czechs, Jakub Dovalil’s men showed strong team spirit and better tactical organisation than their opponents. This should not have surprised England – after all, since June 2009, the Czechs had lost but one game, a 2-0 defeat to Spain four days before facing Stuart Pearce’s side.

The Czechs’ strongest asset is their largely functional five-man midfield, led by Marcel Gecov, combined with two quick full backs - Ondřej Čelůstka and Jan Lecjaks – who constantly provide support. Against Spain, Dovalil experimented with a more attacking formation, going with a 4-4-2 and two strikers up front; it was not a success though. Against England the Czechs reverted to type, playing Tomas Pekhart as a lone striker, and delighting in the striker’s winning goal at the death.

Players to watch

Switzerland – Fabian Frei: While all eyes will focus on star man Shaqiri and tournament revelation Emeghara, Frei’s ability to play between the lines can be Switzerland’s secret weapon. His versatility makes him crucial as both an attacking or defensive midfielder, as the Swiss showed against Belarus when he opened the scoring and then successfully defended on Switzerland’s goal-line. Currently under contract with Basel, Frei spent last season on loan with St. Gallen.

Czech Republic - Ondřej Čelůstka: A physically strong full back, Čelůstka has impressed due to his ability to get up and down the entire right flank and has turned in two stellar performances against Ukraine and England. His speed could prove to be the perfect solution to breaking down Switzerland’s stubborn backline, especially as Čelůstka should face the less than lightening quick Gaetano Berardi. The Czech plays for Slavia Prague after an unlucky loan spell with Serie A outfit Palermo.

Match prediction
Switzerland start this semi-final as clear favourites, but the Czechs should not be underestimated and their strong tactical organisation will make them difficult for the Alpine country to break down, especially if they succeed in slowing down the rhythm of the game. The absence of Xhaka in midfield is a big blow to Switzerland, however this game still looks a 60-40 clash in favour of the more talented Swiss.

Fonte: Inside Futbol

Euro Under-21 Semi-Final: Spain v Belarus Preview

Manifested superiority
The magic moment of Spanish football seems to be endless, as even the country’s Under-21 team set the pitch on fire playing a dominant, attacking game. In recent years, Spain’s trademark has been the amass of technically skilled players well versed in the art of possession football. And in Denmark, this philosophy is well represented by the likes of Juan Mata, Thiago Alcantara (a little Xavi “clone”), Javi Martinez, Iker Muniain, Ander Herrera and Martin Montoya.

Moreover, coach Luis Milla can count on a lethal striker in the form of Adrian, who has bagged three goals in three games. The Deportivo La Coruna forward is in great form and has proven Milla right to hand him a starting spot ahead of Barcelona’s Bojan Krkic. With an extremely solid defensive unit, led by potentially world-class goalkeeper David de Gea, the only real danger this young “Invincible Armada” face is one of complacency. Such a fate befell the side in their first game of the tournament against England, when a game Spain ruled ended in a disappointing draw due to a late conceded goal.

Great luck and little else
Just a good 90 minutes out of 270 were enough for Belarus to secure a spot in the Under-21 semi-finals. Coach Georgi Kondratyev’s men produced a fine second half against Iceland, scoring twice in the last 13 minutes, after being kept alive by some crucial saves from goalkeeper Aleksandr Gutor; Belarus also took the lead against Denmark in their second match before being defeated 2-1. However, Dmitri Baga’s goal was vital, alongside Gutor’s impressive saves against the Danes, in helping his team make the last four, thanks to a superior head-to-head goal difference with Denmark and Iceland.

While Belarus were trampled by Switzerland in their last group game, Denmark’s suicide against Iceland meant that luck shone on the Eastern European side. But despite progressing past the group stage for the first time in their history, there are reasons to be concerned about the quality of the football on show. The Belarus side that impressed with a sensational comeback to defeat five-time champions Italy 3-2 on aggregate in the playoffs, never landed in Denmark. Kondratyev’s 4-4-1-1 is defensive and unspectacular without being functional, as five goals conceded in the country’s last two games attest to.

Players to watch

Spain - Juan Mata: With two goals and two assists out of Spain’s three games, the number 10 has played a key role in helping his country march to the semi-finals. Holding 11 caps to his name in Spain’s senior team – he even made an appearance at the 2010 World Cup –, the Valencia man started the tournament as one of the most experienced players in Denmark. On the pitch the winger-cum-midfielder has lived up to his billing.

Belarus - Aleksandr Gutor: The keeper’s saves have been a big reason behind Belarus’ progression in Denmark and he possesses superb one-on-one abilities. Indeed, the BATE Borisov man has often pulled the chestnut of the fire for his team. However, Gutor will need to put in the display of his career so far to help Belarus beat Spain, and even that may not be enough.

Match prediction
Spain face the weakest side they have met so far against Belarus and the Eastern Europeans have already achieved a historic result by reaching the semi-final stage. So far, the Spanish have played the most entertaining football of the tournament, while Belarus have played some of the poorest. The real question is not will Spain win, but how many goals will they score? Three, at least.

Fonte: Inside Futbol

mercoledì 15 giugno 2011

Operazione lampo

La sera del 5 marzo 1983 Lutz Eigendorf, stella un po’ appannata dell’Eintracht Braunschweig, lascia il ristorante Cockipt, sale in macchina e si avvia verso casa lungo la Braunschweiger Forststrasse. In prossimità di una curva a gomito la sua Alfa Romeo sbanda, Eigendorf perde il controllo del veicolo e si schianta contro un albero sul lato opposto della strada. Sono le 23:08. L’impatto è violentissimo. Dalle lamiere viene estratto il corpo del giocatore privo di conoscenza. Gli viene rilevato un tasso alcolico nel sangue pari a 0.22. Un livello altissimo, equivalente a tre litri e mezzo di birra. Lutz Eigendorf muore due giorni dopo in ospedale a causa delle gravi lesioni riportate alla testa. Ha 26 anni. La polizia locale non ha dubbi: incidente causato da guida in stato di ebbrezza. Caso chiuso.

Per la stampa Eigendorf è il Beckenbauer della Germania Est. Un centrocampista difensivo di grande eleganza, ottimo nella lettura delle situazioni di gioco e altrettanto abile nel far ripartire l’azione con lanci millimetrici. Fin dalla tenera età, il giocatore viene considerato uno dei fiori all’occhiello del calcio della DDR. Entra nei ranghi della Dinamo Berlino a 14 anni, debutta in prima squadra a 18, veste per la prima volta la maglia della nazionale a 22, presentandosi con una doppietta alla Bulgaria. La Dinamo Berlino è la squadra del capo della Stasi (il Ministero per la Sicurezza di Stato) Erich Mielke. Sul finire degli anni Settanta, nella Oberliga tutte le strade portano a Berlino. Per la squadra della capitale ci sono i migliori giocatori e gli arbitri più compiacenti. I dieci titoli nazionali consecutivi messi in bacheca dalla Dinamo trasformano il tutto in una farsa, dalla quale però Eigendorf si premura di fuggire immediatamente.

Il 20 marzo 1979 la Dinamo Berlino è attesa in Germania Ovest per un’amichevole contro il Kaiserslautern. Per il club si tratta della prima trasferta in un paese non appartenente all’area sovietica. Ai giocatori è proibito qualsiasi contatto con l’esterno. L’incontro termina 4-1 per i tedeschi dell’ovest. Nella notte Eigendorf scende per un drink nella hall dell’Hotel Savoy, dove era alloggiata la squadra. L’unica persona che incontra è l’accompagnatore degli arbitri. La loro chiacchierata dura più di tre ore, e quando Eigendorf decide di rientrare il camera, l’uomo gli allunga il proprio biglietto da visita. La mattina seguente il bus della squadra riparte per Berlino. Viene fatta una tappa a Giessen per permettere ai giocatori di spendere la valuta straniera accumulata, magari acquistando un paio di Wrangler o un cd dei Rolling Stones. Eigendorf si allontana con un paio di compagni, quindi sale su un taxi, si sdraia sul retro e porge al conducente il biglietto da visita dell’accompagnatore degli arbitri incontrato la sera prima. E’ l’unica persona che conosce in tutta la Germania Ovest.

Eigendorf non è il primo giocatore della DDR a fuggire a ovest. Nel suo caso però lo smacco per il regime, e specialmente per Mielke, è ancora più grande. Lui, uno dei più fulgidi talenti della Germania Est, è riuscito a scappare mentre si trovava in trasferta con la squadra del capo della Stasi. “Eigendorf non giocherà mai in Bundesliga”, dichiara un Mielke schiumante di rabbia una volta appresa la notizia. Nel giro di pochi giorni vengono predisposte l’Operazione Rosa e l’Operazione Traditore. La prima riguarda la moglie di Eigendorf, Gabriele, pedinata e spiata ventiquattrore al giorno per timore di una possibile fuga. La seconda si concentra invece sui genitori del calciatore. Vengono interrogati amici, vicini, colleghi, persino il medico di famiglia. I telefoni sono sotto controllo, tutta la corrispondenza viene aperta e letta dagli uomini della Stasi prima di essere consegnata. Sembra 1984 di George Orwell, con la differenza che la DDR non è fiction.

In Bundesliga Eigendorf non riesce ad avere l’impatto che le sue qualità facevano supporre, anche a causa di numerosi problemi fisici. Dopo aver scontato una squalifica di un anno comminatagli dalla FIFA per aver non aver rispettato il proprio contratto con la Dinamo Berlino, Eigendorf gioca due stagioni con il Kaiserlsautern prima di passare, per 400mila marchi, all’Eintracht Braunschweig. Non rifiuta mai un’intervista, e non ha paura a dire ciò che pensa della Germania Est. Altri fuggitivi, tra cui l’allenatore Jörg Berger, gli consigliano di mantenere un profilo più basso “perché Mielke è un uomo molto pericoloso”. Eigendorf per contro il 21 febbraio 1983 si fa riprendere di fronte al Muro di Berlino nel corso del programma “Kontraste” mandato in onda dall’emittente ARD. Due settimane dopo, ecco l’incidente fatale.

La caduta del Muro e la riunificazione della Germania, con conseguente accesso agli archivi della Stasi, riaprono il caso Eigendorf. Della vicenda si occupa il giornalista d’inchiesta Heribert Schwan attraverso un certosino lavoro di assemblaggio di centinaia di documenti. Nello sterminato archivio dello Stasi, che in quarant’anni di vita aveva prodotto l’equivalente di tutti i documenti della storia tedesca a partire dal Medioevo, non esiste un dossier Eigendorf. “Ma sarebbe meglio dire”, afferma Schwan, “non esiste più, perché è stato distrutto. Tuttavia il nome di questo sfortunato giocatore è presente in numerosi documenti collaterali, se così vogliamo chiamarli”.

In Germania Ovest Eigendorf è stato spiato da una cinquantina di agenti segreti della Stasi. Uno di questi, l’ex pugile Karl-Heinz Felgner, era uno dei suoi migliori amici a Braunschweig. I suoi rapporti sono dettagliatissimi: amicizie, telefonate, locali frequentati, spostamenti, numeri di caffè bevuti quotidianamente, marca di latte preferita. Nel frattempo in Germania Est Gabriele Eigendorf aveva chiesto, e ottenuto, il divorzio dopo soli tre mesi dalla fuga del consorte, per poi sposarsi con l’amico d’infanzia Peter Homman. L’uomo in realtà era un agente della Stasi, nome in codice “Lothario”, in missione allo scopo di far breccia nel cuore di Gabriele per indurla a tagliare definitivamente i ponti con il “traditore”. La coppia regalerà un fratellino a Sandy, la figlia di Lutz e Gabriele.

In un documento di 32 pagine dedicato alla sezione XII, un commando segreto interno alla Stasi che agiva da autentico squadrone della morte, compare il nome di Eigendorf in una lista contenente alcuni nemici pubblici del regime. Accanto a esso c’è una scritta: “narcotico”. Poco sotto viene citato il sistema “lampo”, una tecnica sovente utilizzata dalla Stasi per eliminare persone scomode senza lasciare traccia. Il sistema “lampo” consiste nel posizionare un auto ai bordi della strada, nascondendola nel buio in prossimità di un una curva pericolosa, e quindi di accendere improvvisamente gli abbaglianti una volta sopraggiunta l’auto-bersaglio, nel tentativo di accecare il conducente. Schwan è pertanto giunto alla conclusione che Lutz Eigendorf sia stato prima drogato con una neurotossina, quindi minacciato, fatto fuggire in auto e infine abbagliato sulla Braunschweiger Forststrasse. In tempi recenti è stata chiesta la riesumazione del corpo per trovare eventuali tracce di avvelenamento. Una procedura complicata e soprattutto lenta. Ma l’omicidio, come ricordato dal pubblico ministero di Berlino, è un reato non soggetto a prescrizione.

Fonte: Guerin Sportivo

martedì 14 giugno 2011

L'importante e' boicottare

Strano e affascinante paese il Belgio, senza governo da un anno (primato mondiale) senza che la cosa importi più di tanto ai cittadini. Fiamminghi e valloni ormai non riescono a trovare un accordo su niente che non sia il tifo per Clim Clijsters o la nazionale di calcio. Ma anche il mondo del pallone non sta propriamente vivendo sonno tranquilli.
(Articolo completo su Il mondo siamo noi).

lunedì 13 giugno 2011

Jonathan Reis: gioventu' bruciata

Alcol, droga e gol: Jonathan Reis, classe 89, non è un calciatore che passa inosservato, anche se spesso finisce sulle prime pagine dei giornali per le ragioni sbagliate. Il talento cristallino lo ha finora tenuto a galla da uno stile di vita modello gioventù bruciata. Scovato giovanissimo dal PSV Eindhoven, è stato licenziato nel gennaio 2010 perché positivo alla cocaina. In estate però il club della Philips ha deciso di ingaggiarlo nuovamente, ripulito dalle droghe ma ancora in lotta con i propri demoni. Così lo scorso settembre Reis si è fatto pizzicare ubriaco alla guida della propria auto sulla strada che porta da Weert a Eindhoven. Lo ha salvato nuovamente il talento; il PSV lo ha tenuto in squadra, lui ha ricambiato con 9 gol in 16 partite prima di finire ko per un infortunio ai legamenti.

Assieme alla cessione di Ibrahim Afellay al Barcellona, proprio l’uscita di scena di Reis - avvenuta lo scorso 19 dicembre al minuto 17 di PSV-Roda - è stata alla base del lento declino del club di Eindhoven nella seconda parte del campionato. Gli uomini di Fred Rutten hanno chiuso al terzo posto, fallendo ancora una volta quel piazzamento Champions vitale per le casse tutt’altro che floride del club. Al PSV è mancato un bomber. Uno come Reis, attaccante dalla media reti di un gol ogni 100,4 minuti; nell’ultimo ventennio in casa PSV solamente Romario (91,6) ha fatto meglio di lui, mentre mostri sacri quali Ronaldo e Van Nistelrooy (entrambi a quota 124,9) sono alle sue spalle.

Reis è sbarcato in Olanda nel 2007 assieme ai connazionali Fagner Conserva Lemos e Cassio Ramos, e sin dalle prime apparizioni nelle giovanili del PSV è risultato chiaro quale dei tre fosse l’elemento di maggior prospettiva, ma anche quello più indisciplinato. Il repertorio è un classico del genere: ritardi agli allenamenti, vita notturna, feste. Reis si rompe due volte il piede sinistro, ma la seconda frattura è causata dalla rimozione prematura del gesso effettuata contro il parere dei medici. Poi viene spedito sei mesi in Brasile in prestito al Tupi, perché l’allora tecnico del PSV Huub Stevens non lo vuole più vedere nei pressi del De Herdgang, il centro di allenamento del club.

L’arrivo di Rutten nell’estate del 2009 rappresenta una nuova chance per Reis. Il brasiliano sboccia in autunno, segnando a raffica tra Eredivisie, Europa League e coppa d’Olanda. Nel ritiro invernale in Spagna però viene trovato positivo alla cocaina. Rifiuta di curarsi e il PSV rescinde immediatamente il contratto. Reis torna in Brasile dalla compagna e dal suo bimbo di pochi mesi, Caique. Decide di disintossicarsi. “Entrai in una comunità completamente isolata dal resto del mondo”, ricorda il giocatore. “Non potevamo uscire né telefonare né navigare in internet. La sveglia suonava alla sei di mattina, poi si andava a lavorare nei campi”. Un incontro nella città di Salvador con la sua vecchia squadra, che si trovava in tournee in Brasile, pone le basi per il suo ritorno in Olanda avallato da Rutten, il tecnico che più di tutti ha creduto nel suo recupero. Oggi per Reis è pronto un triennale e, forse, l’inizio di una nuova vita.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

sabato 11 giugno 2011

Preview Europeo under 21

Dopo la finale di Champions League sarà di nuovo Spagna contro Inghilterra. Almeno così vogliono i pronostici, raramente così unidirezionali come per il campionato europeo under 21 che apre oggi i battenti in Danimarca. Premier League e Liga, i due top campionati a livello mondiale, mettono in mostra (quasi) tutti i loro gioielli. Gli altri restano a casa a guardare: non ci sarà la Germania campione in carica, né l’Italia primatista di vittorie (5 le edizioni in bacheca), né l’Olanda vincitrice di due delle ultime tre edizioni.

Calcisticamente la Spagna sta vivendo un momento magico, tanto a livello di club quanto di nazionale. Un successo a livello giovanile completerebbe l’en-plein. Ci proveranno i canterani del Barcellona Thiago Alcantara (uno che in blaugrana gioca poco solo perché ha davanti un certo Xavi), Bojan e Jeffren, aiutati dai baschi Muniain, Javi Martinez e San Josè, più il valenciano Mata e l’estremo De Gea, il sostituto di Van der Sar nel Manchester United. Meno talento puro ma più esperienza per l’Inghilterra di Stuart Pearce. Diversi suoi ragazzi sono reduci dal precedente Europeo under 21, altri hanno accumulato presenze tra Premier e Championship. Tra i più attesi la punta del Chelsea Sturridge, il centrocampista dell’Everton Rodwell, gli esterni Sinclair (Swansea) e Henderson (neo acquisto del Liverpool). Gli inglesi dovranno rinunciare a tre pezzi da novanta quali Walcott, Carroll e Wilshere, “scippati” da Fabio Capello e mai restituiti.

Spagna e Inghilterra si affronteranno nel gruppo B, concedendo prevedibilmente poche chance a Ucraina e Repubblica Ceca. L’outsider uscirà pertanto dall’equilibratissimo gruppo A. Piace la Svizzera, tra i migliori movimenti calcistici giovanili degli ultimi anni e forte di elementi con esperienza Champions (Shaqiri, Gavranovic, Costanzo). La Danimarca padrona di casa si affida alla classe del classe 92 Eriksen, visto anche ai Mondiali sudafricani. Poco blasone ma ottimi riscontri dal campo per Bielorussia e Islanda; i primi hanno eliminato gli azzurrini, i nordici sono pieni di elementi già in nazionale maggiore. Tra questi spicca la punta Sigþórsson; può essere la rivelazione che nessuno si aspetta.

Fonte: Il Giornale

venerdì 10 giugno 2011

Perchè il Porto è meglio del Barcellona

Giù i fucili. Il titolo, volutamente provocatorio e in odore di eresia, intende rendere i dovuti onori a una squadra che ha trasformato il processo di acquisto e cessione di giocatori in un’arte. Perché nel calcio odierno non contano solo i risultati in campo, ma anche quelli in sede di bilancio.
(Articolo completo su Il mondo siamo noi).

giovedì 9 giugno 2011

Il ruggito di Brisbane

Difficilmente un titolo nazionale può essere conquistato con maggior merito di quanto fatto dal Brisbane Roar lo scorso 13 marzo. I Leoni si sono laureati campioni della Hyundai A-League per la prima volta nella propria storia dopo aver battuto ai calci di rigore i Central Coast Mariners nella Grand Final dei play-off del campionato australiano.

Una stagione pressoché perfetta quella del club di Brisbane: vincitore della regular season con otto punti di distacco sulla seconda; miglior attacco (58 gol fatti) e miglior difesa (26 subiti) del campionato; sei giocatori nell’All Star Team 2010/11; nuovo primato australiano di risultati utili consecutivi (28); miglior assist-man (il tedesco Thomas Broich con 12), miglior portiere (Micheal Theoklitos, che ha anche stabilito il record australiano di imbattibilità non subendo reti per 876 minuti) e miglior allenatore del campionato (l’immigrato greco Ange Postecoglou); vincitore del Fair-Play Trophy quale squadra più corretta.

Una marcia trionfale che rischiava clamorosamente di concludersi nel peggiore dei modi proprio nella Grand Final quando, sul terreno amico del Suncorp Stadium, a quattro minuti dalla fine del secondo tempo supplementari il Brisbane Roar si trovava sotto di due gol. Poi l’incredibile rimonta firmata da Henrique e – all’ultimo assalto – da Erik Paartalu, prima dello show finale del portiere Michael Theoklitos, capace di bloccare due rigori agli avversari. Quello del Brisbane Roar è stato un successo maturato a dispetto di una politica molto attenta al bilancio; a inizio stagione erano partiti il bomber Sergio van Dijk (ceduto all’Adelaide United, dove si è laureato capocannoniere della A-League) e i giovani Tommy Oar, Michael Zullo e Adam Sarota (tutti finiti all’Utrecht), successivamente imitati dalla punta Reinaldo e dal talento locale Luke DeVere, finiti rispettivamente in Qatar e Corea del Sud. Il Brisbane Roar ha pertanto vinto sia a livello sportivo che economico.

Fonte: Guerin Sportivo

mercoledì 8 giugno 2011

Le tre vite di Axel Witsel

A 22 anni Axel Witsel ha già vissuto tre vite: è stato un giovane talento emergente che a 15 anni rifiutava, su consiglio di papà, Real Madrid e Arsenal per non bruciarsi; lo hanno poi trasformato in nemico pubblico numero uno dopo una brutta vicenda accaduta durante un incontro tra Anderlecht e Standard Liegi; è infine risorto dalle proprie ceneri tornando uomo simbolo di un calcio, quello belga, che tenta faticosamente di risalire la china dopo un decennio di elevata mediocrità. Tre capitoli per una storia breve ma già molto intensa, che dalla prossima estate potrebbe anche proseguire in Italia in una delle due squadre di Milano.

Nella sua prima vita Witsel appariva come il più classico dei predestinati; papà Thierry, originario della Martinica, era allenatore e tattico, prima nel calcio a cinque - dove ha vinto due coppe di Belgio guidando l’Ougrée - e in seguito nelle giovanili dello Standard. Si occupa personalmente della formazione tecnico-calcistica del figlio, che nel 2004 viene eletto miglior giocatore in untorneo internazionale under-16 a Kiev, nel 2006 debutta 17enne con lo Standard e due anni dopo vince la Gouden Schoen (Scarpa d’Oro), trofeo che premia il miglior giocatore del campionato belga.

Un’ascesa verticale bruscamente interrottasi il 30 agosto 2009, quando in un elettrico Anderlecht-Standard Witsel si rende protagonista di un intervento killer ai danni del polacco Marcin Wasilewski, rompendogli tibia e perone. Le immagini, terribili, fanno il giro del web. Witsel viene squalificato per dieci giornate (poi ridotte a otto). Lui e la sua famiglia ricevono minacce di morte. Il quotidiano Het Laatste Nieuws getta ulteriore benzina sul fuoco inserendolo nell’elenco dei belgi più spregevoli dell’anno accanto a Kim De Gelder, il folle che uccise una donna e due bimbi nell’asilo nido “Fabeltjesland” di Dendermonde (vicenda alla quale Ligabue ha recentemente dedicato la canzone Quando mi vieni a prendere?). In Belgio tutti, tranne lo Standard, sono contro Axel Witsel.

La versatilità nel ricoprire qualsiasi ruolo a centrocampo (il diretto interessato preferisce però giocare dietro le punte) ha imposto Witsel quale elemento chiave di uno Standard arrivato secondo in campionato dopo una clamorosa rimonta iniziata nei play-off (nella regular season i Rouches erano finiti sesti). Assist, gol (la botta da fuori che lo scorso 7 maggio ha steso il Club Brugge è tra le più belle reti viste in stagione in Belgio) ma anche tanta sostanza. Un pieno di consensi che Witsel ha fatto anche in nazionale, dopo un doppietta in casa dell’Austria che ha rimesso il Belgio in corsa per la qualificazione a Euro 2012. Gli applausi questa volta sono arrivati da tutto il paese. Il cerchio si è finalmente chiuso.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

martedì 7 giugno 2011

Standard, l'ultimo baluardo

Welkom in Luik. Bienvenue à Liège. Lo speaker del Maurice Dufrasne, lo stadio dello Standard Liegi, saluta così gli spettatori all’inizio di ogni partita. Benvenuti, sembra voler sottolineare il messaggio, in uno dei pochi luoghi del Belgio in cui fiamminghi e valloni dimenticano per un paio d’ore la distanza che li separa. Perché lo Standard Liegi è una squadra che conta sostenitori in tutto il paese, con gruppi di tifo organizzato di ogni classe sociale, ceppo linguistico e orientamento politico. Un club trasversale in un paese spaccato a metà.

Sono due gli elementi che mantengono il Belgio unito: lo sport e la corona. Per il resto, la comunità fiamminga e quella vallona vivono da separate in casa. Le città cambiano i nomi (Mons diventa Bergen, Malines-Mechelen, Gand-Gent, Roulers-Roeselare e così via), le riviste escono in due edizioni con copertine e contenuti diversi perché, come spiega l’ex addetto stampa della nazionale belga Francois Colin nel caso del settimanale Foot/Voetbal magazine: “ai lettori valloni interessano giocatori e squadre della loro area, e lo stesso vale per quelli delle Fiandre”. Nulla a confronto di quanto combina la politica, che da undici mesi sta lasciando il paese senza governo. L’impossibilità di trovare un accordo tra i partiti fiamminghi e valloni che hanno vinto le elezioni ha portato il Belgio a battere il poco invidiabile record, detenuto dall’Irak, della maggior durata della sede vacante di un governo in tempo di pace.

I riflessi di queste divisione si riflettono anche sul mondo del calcio. Qualche anno fa i nazionalisti fiamminghi hanno chiesto la separazione della Federcalcio belga in due componenti autonome, con conseguente creazione di due nazionali e due campionati separati. Tra i più strenui oppositori della proposta c’è stato proprio lo Standard Liegi, che ha minacciato di chiedere l’iscrizione nella Ligue 1 francese se alla proposta fossero stati concessi margini di sviluppo.

Oggi più che mai, lo Standard è diventato il club di tutta la comunità francofona belga, come dimostrato dai festeggiamenti per la vittoria della coppa nazionale (2-0 al Westerlo) avvenuti un po’ in tutte le città della Vallonia. I Rouches rappresentano l’ultimo baluardo di un movimento calcistico, quello vallone, sull’orlo del fallimento. Dopo la bancarotta che negli ultimi anni ha cancellato dal professionismo due club storici quali Mouscron e La Louviere (vincitore della coppa di Belgio nel 2003), nella stagione appena conclusa solamente 18 delle 70 società iscritte nelle prime tre divisioni del paese appartenevano alla parte francofona del Belgio. In Jupiler pro League erano presenti, oltre allo Standard, appena altri due club, Charleroi e Eupen, entrambi retrocessi. Ci ha pensato il Mons, battendo 2-1 domenica il Waasland-Beveren nello spareggio promozione, a rendere la squadra di Liegi meno sola.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time