domenica 7 ottobre 2012


Radio Olanda interrompe le trasmissioni. Vi lasciamo con una splendida veduta di una porzione dello skyline di Rotterdam, con sullo sfondo il mitico De Kuip.
Un ringraziamento a tutti coloro che hanno visitato, letto e/o commentato il blog.
Arrivederci su altri media.

venerdì 31 agosto 2012

Maghrebian Messi Oussama Assaidi perfectly suited to Liverpool impact

Comparing a player to Lionel Messi is not the best way to introduce a budding star, setting him up, as it inevitably does, for relative failure. However, for those who have followed new Liverpool signing Oussama Assaidi during his last two seasons at Heerenveen, it is unquestionable that there is a similarity between the Moroccan winger and Ballon d’Or holder Messi. Like the Barcelona icon, Assaidi is very fast with the ball at his feet and has impressive dribbling ability that allows him to quickly change direction, switch feet and turn opponents to create space or get past his man.

Though Assaidi is a Messi-style player, this does not mean that he has the potential to reach the heights scaled by the Argentine phenomenon. The Moroccan is more a winger than a striker, still needs to develop physically and cool his temperament a little. Assaidi is not the easiest player to coach and can in this way be compared with new team-mate Luis Suarez.

 “Assaidi is extremely gifted”, said Jan de Jonge, the man behind the Moroccan’s breakthrough in the Eredivisie. “However, sometimes talent is not enough to survive in a tough competition like the Premier League. Oussama must keep working on his physical attributes and show the right mental attitude.”

The Moroccan will fit perfectly into new Liverpool manager Brendan Rodgers’ tactical approach. His “if you do not have the ball you cannot score” philosophy needs highly creative and technically gifted players on the flanks who have flair and can change the pace of the game in a second. A footballing approach which is not far off that Assaidi learned at Heerenveen.

The Frisian club are widely known for their attractive attacking football, as the 2011/12 season showed. Heerenveen ended the Eredivisie in fifth spot with 79 goals scored, finishing in the Europa League zone after being firmly in the title race until March. For the side, a superb attacking line was the driving force: Assaidi on the left (despite being right footed), Luciano Narsingh on the right and Bas Dost in the middle. Dost ended the Eredivisie campaign as top scorer with 32 goals, with most being put on a plate by Narsingh and Assaidi. Liverpool’s new number 11 finished as Heerenveen’s second-highest scorer with ten goals. And this despite missing a number of games due to back and Achilles tendon problems.

Before joining Liverpool, the 24-year-old was close to signing for Ajax. The deal faltered though as Assaidi was not happy with the salary on offer at the Amsterdam ArenA. Moving from Heerenveen to Amsterdam would have been a homecoming for the Morocco international, as he grew up in the city, playing football on its streets. In a quirk of fate, one of his playmates then, Narsingh, would later become his team-mate at Heerenveen.

Born on 15th August 1988, in Beni-Boughafer, a village in northern Morocco, Assaidi moved to Holland at the age of four. He took his first steps into football at local Amsterdam side Zeeburgia before joining AZ Alkmaar’s academy. After three years though, AZ showed the youngster the door for poor performance at school and a troublesome attitude. In the summer of 2006, Assaidi began his professional career at FC Omniworld in the Eerste Divisie (Holland’s second tier), then was scouted by former De Graafschaap coach Jan de Jonge, who brought him up to the Eredivisie. The winger spent just one year with the Superboeren, who had in the meantime been relegated, and moved to Heerenveen on the last day of the 2008/09 summer transfer window, having scored five goals in five games in the Eerste Divisie.

Once in Friesland, Assaidi joined forced once again with De Jonge, who this time worked as an assistant coach. The speedy winger’s glory day came on 12th December 2010, when he led Heerenveen to a crushing 6-2 win over Twente, scoring a hat-trick, delivering two assists and winning a penalty. After the match, the Dutch press labelled Assaidi the “Maghrebian Messi”. Two months later, he made his debut for Morocco, despite being eligible to play for Holland.

“Rodgers convinced me to choose Liverpool”, said Assaidi in his first interview on English soil. “How he wants to play is the way I like to. We both want to play football.” The Moroccan’s skills could dovetail with other versatile players such as Suarez and Fabio Borini, especially in a 4-3-3 system. However, the Reds need time to adapt to such a radical tactical change. And Assaidi needs to settle in the Premier League. How long will Liverpool fans give the team and their new Moroccan signing to produce results? For Assaidi, this could be the difference between success and failure.

lunedì 27 agosto 2012

Sion hit gold with Gennaro Gattuso capture

It took about a month for Gennaro Gattuso to become Swiss side Sion’s key player and at the same time demonstrate that he did not sign up with president Christian Constantin’s side for a long-term holiday amongst the vineyards and valleys of the Canton Valais. With his unmistakable style of play, marked by tough tackling and a never-say-die attitude, Gattuso is the undisputed leader of a pack aiming to break Basel’s dominance of Swiss football.

At the time of writing Sion are topping the Swiss Super League, having collected 16 points from seven games, with five of those clashes resulting in victories. Coach Sebastien Fournier has so far put substance over style, as Sion rarely play spectacular football. The team does not lack for technically gifted players though, such as attacking midfielder Xavier Margairaz and number 10 Oussama Darragi, the latter having been nicknamed the “Tunisian Riquelme”. However, Sion appear to have been created in Gattuso’s image - and that means a side with a tough, battling spirit founded on hard work.

“It is not easy to go from the Champions League to the Swiss championship”, said Fournier, speaking about Gattuso. “It is a question of motivation. A top player usually thinks that, as the level of football in Switzerland is 50% lower than in the top competitions, giving 50% could be enough to make the difference. It doesn’t work this way. Since the first day Gattuso joined us he has shown an extremely professional attitude”.

Team-mates quickly learned to recognise the famous “Ringhio” (growl in Italian). During the club’s training camp at Saint Prex, a small town along Lake Geneva, Sion were beaten 2-0 by Lausanne in a friendly, the first played with Gattuso in the starting eleven. “He went off the pitch looking so angry that in the dressing room nobody dared to say anything to him”, recalls Swiss journalist Pier Luigi Giganti. “He could not stand losing and he did not care that it was a
simple friendly. The day after that match, all the supporters were mad about him”.

Gattuso himself is full of genuine enthusiasm when he speaks about his new adventure. “The only person who was upset when I chose to join Sion was my wife because that meant she had to go on holiday with the children by herself”, said the Italian midfielder. “Obviously, here in Switzerland it is a world apart from when I was at Milan. At Sion I have to clean my own football boots and switch the studs myself. And when I wear an ankle bandage, all eyes are on me because the bandages are expensive and Sion take care of their money. Every day there is a new challenge here. After 13 years with Milan the time was right to look for something new”.

The midfielder is the household name Sion president Constantin needed to push forward his ambition to make his team a top Swiss club. In the past the president has brought other internationals to the Canton Valais, such as Egyptian goalkeeper Essam El Hadary, Belgian striker Emile Mpenza and former Barcelona midfielder Gabri. But with Gattuso he has excelled himself, signing one of the finest defensive midfielders of the last decade and a World Cup winner to boot.

“Swiss football desperately needed to hit the headlines for positive reasons after seeing its credibility fall below zero last year due to Neuchatel Xamax and Sion”, said another Swiss journalist, Paolo Galli. “Xamax were led to bankruptcy by businessman Bulat Chagaev, while Sion were excluded from European competition for fielding ineligible players in a game and lost their legal battle against the Swiss FA and UEFA, with a 36-point deduction which almost led them to ruin. The Super League needed a breath of fresh air. This time Constantin has done something good for our football’s image abroad”.

Since architect Constantin bought Sion in 2003, the club have won the Swiss Cup three times, but always failed to collect what would be their third national title, after 1992 and 1997. Constantin chopped and changed coaches, appointing an astonishing 24 in ten years, but perhaps now he has settled on the right man to lead Sion back to the top. That man though does not sit on the bench, but directs the team from the pitch. That man is Gennaro Gattuso.

sabato 18 agosto 2012

E' Calato il Leccaos

Ci sono campionati che attirano gli sceicchi e altri che affascinano qualche oligarca dell’Est. In Italia invece siamo spesso costretti ad accontentarci di macchiette stile Borgorosso football club. L’ultimo in ordine di apparizione è Giuseppe “Joseph” Cala, manager italo-americano con alle spalle decine di tentativi falliti di acquisto di società calcistiche, dal Torino al Bari, dall’Ascoli alla Salernitana (ma dalla Campania sparì dopo 12 giorni) fino agli inglesi del Portsmouth. Un inquieto girovagare terminato lo scorso giugno con l’acquisto del Calcio Lecco, fresco di retrocessione in Serie D. Un livello forse un po’ troppo basso per chi nutre l’ambizione di “creare un club di livello mondiale modello Juventus”, ma non ditelo al signor Cala. “Non vuol dire niente, anche la Microsoft è partita con un solo impiegato”.

Dopo anni di grigiore calcistico, la città del Manzoni è pronta per tornare a recitare un ruolo di primo piano nel mondo del pallone. Come? Attraverso la quotazione alla borsa Nasdaq di New York, la creazione di un super-settore giovanile e l’apertura di filiali in Africa, Asia e Sudamerica. Un impegno “non di 2-3 anni, ma per tutta la vita” che però stenta a decollare. A meno di un mese dall’inizio del campionato manca tutto: un campo di gioco di proprietà, una sede, persino i giocatori. “Non so quanti di loro sono tesserati” ha dichiarato il tecnico Stefano Franciosa (pescato da Cala nella C finlandese) in quella che avrebbe dovuto essere la conferenza di presentazione della squadra. I nomi? Mistero. Gli allenamenti? Sgambate di un’oretta e poi partitella, come all’oratorio. Ma nemmeno con i ragazzini della Berretti della si arriva a giocare undici contro undici.

Nel frattempo, tra pernottamenti allo stadio, sponsorizzazioni fantasma e finte denunce di aggressione (smentite dai diretti interessati, ovvero il segretario Ivan Corti e il direttore tecnico delle giovanili Ernesto Nani), Cala ha mantenuto solo una promessa: quotare il Lecco al Nasdaq, inserendo la società nella sua Cala Corporation. Di cosa si occupa? “Non importa l’attività ma il fatturato che produce”. Oltre che con la trasparenza, l’italo-americano sembra avere qualche problema con i pagamenti: gli 800mila euro di debiti lasciati dalla precedente gestione non sono ancora stati saldati. E se con i tifosi è stata guerra aperta sin dal primo giorno, adesso si sono incrinati anche i rapporti con il Comune.

“Lecco in Serie A in cinque anni”, così si è presentato Cala. Una battuta che oggi suona surreale quanto il clima creatosi attorno alla società blu celeste. Nell’anno del centenario, a Lecco avrebbero gradito regali migliori.

Fonte: Il Giornale

sabato 23 giugno 2012

Terry il terribile

Balotelli? Un chierichetto. Cassano? Un simpatico guascone. Confrontando i ragazzi terribili di casa Azzurri con quelli di sua maestà, il divario è notevole. Perché quando il gioco si fa duro, nessuno è come gli inglesi. Basta prendere uno dei giocatori simbolo della nazionale di Roy Hodgson: John Terry. Lo chiamano il capitano senza fascia, perché a dispetto delle indiscutibili doti carismatiche, e dell’esperienza maturata in un decennio di calcio ad altissimo livello, non tocca a lui a indossare la fascetta di capitano dei Tre Leoni. Era così due anni fa al Mondiale 2010, lo è ancora oggi a Euro 2012. Ragioni di letto nel primo caso, di (presunto) razzismo nel secondo.

Terry l’ubriacone, il rissoso, il dongiovanni. L’11 settembre 2011 viene pescato a notte fonda ubriaco fradicio nel bar di un hotel di Heatrow con i compagni Gudjohnsen, Lampard e Morris; il Chelsea li multa togliendogli un mese di stipendio. Sei mesi dopo viene coinvolto in una mega rissa alla festa per la nascita della figlia dell’allora compagno di squadra – pluri-recidivo in bravate – Jody Morris. Nel 2007 il News of the World lo becca mentre urina sulla pista da ballo di uno strip-bar mentre, nel corso di una serata ad alto tasso alcolico assieme ad altri compagni, freschi di sconfitta contro la Croazia che era costata all’Inghilterra la mancata qualificazione a Euro 2008. Dopo bacco, ecco Venere: nel gennaio 2010 Terry, appena nominato papà dell’anno, finisce di nuovo sulle prime pagine dei tabloid per la sua relazione con la modella di lingerie Vanessa Perroncel, all’epoca legata a Wayne Bridge, compagno di JT sia al Chelsea che in nazionale. “Io accanto a quel maiale non gioco”, dice Bridge rinunciando alla convocazione ai Mondiali sudafricani. Terry ci andrà, privo però della fascia di capitano.

Lo scorso 23 ottobre, ecco l’ultimo capitolo del Terry-gate. Al termine di Queens Park Rangers-Chelsea Anton Ferdinand, fratello del difensore del Manchester United Rio, accusa Terry di insulti razzisti. Un caso controverso che si risolverà solamente il prossimo 9 luglio, giorno in cui è attesa la sentenza del tribunale. Nel frattempo Fabio Capello si è dimesso da ct dell’Inghilterra per l’intrusione della Federcalcio inglese nella questione riguardante la fascia di capitano, e il suo successore Roy Hodgson ha pensato di non convocare Rio Ferdinand per l’Europeo. Ufficialmente perché l’81 volte nazionale inglese non riuscirebbe più a reggere una partita ogni tre giorni; ufficiosamente per non causare un terremoto nello spogliatoio.

Perché a uno come Terry non si può rinunciare. 3 Premier League, 1 Champions League, 4 FA Cup e 2 Carling Cup vinte con il Chelsea, giocatore inglese dell’anno nel 2005, 4 volte incluso nella squadra dell’anno di FIFPro (la Federazione internazionale dei calciatori professionisti). Leader vero, soprattutto in campo. Chi gioca accanto a lui migliora, basta vedere la stagione disputata nel Chelsea dall’emergente Gary Cahill o l’Europeo senza sbavature giocato finora da Joleon Lescott. Terry è lo specchio dell’Inghilterra di Hodgson, così come lo è stato del Chelsea Di Matteo; squadre rognose, scorbutiche, brutte a vedersi e poco considerate dai pronostici. Squadre però capaci di non mollare mai. E l’Italia dei chierichetti farà bene a non dimenticarselo.    

Fonte: Il Giornale

sabato 16 giugno 2012

Spremuta d'oranje

Comunque vada, sarà senza gloria. La più brutta Olanda dai tempi di Louis Van Gaal (mancata qualificazione al Mondiale 2002) rimane aggrappata all’Europeo grazie a un puro calcolo matematico, ma anche in caso di qualificazione ci sarà poco da festeggiare. Da corazzata quasi imbattibile ad armata brancaleone nell’arco di due anni. Anzi, di pochi mesi, visto che fino allo scorso ottobre i tulipani potevano vantare l’invidiabile ruolino di sole 2 sconfitte (una delle quali - la finale Mondiale contro la Spagna - ai supplementari) in 42 incontri sotto la gestione Bert Van Marwijk.

Statistiche che hanno finito per contagiare l’ambiente con quel senso di superiorità che da sempre è stato uno dei principali talloni d’Achille dell’Olanda, spesso deludente proprio quando si è presentata ai blocchi di partenza da favorita (Italia 90, Euro 92, Euro 2000). L’abbondanza di talento, innegabile, ha fatto il resto. Con elementi quali Sneijder, Van Persie, Robben, Van der Vaart, Huntelaar e Afellay si sarebbe dovuti viaggiare sul velluto. Ed ecco quindi allenamenti blandi, libere uscite a go go e un clima fin troppo rilassato e vacanziero. “Quando sentiamo Snejider dichiarare che non c’è di nulla di cui preoccuparsi”, ha scritto il De Telegraaf alla vigilia, “cominciamo a essere seriamente preoccupati”.

La spremuta di oranje servita a Kharkiv da Danimarca e Germania non può evitare di chiamare in causa il ct Van Marwijk, l’anti-divo che due anni fa era riuscito nel miracolo di compattare uno spogliatoio pieno di galli nel pollaio. Ma il gioco è durato fino a quando hanno retto gambe e difesa, perché nemmeno in Sudafrica il gioco dell’Olanda fu scintillante. Le basi però erano solide, con le stelle protette da una nutrita colonia di “waterdragers” (portatori d’acqua) che costituivano una diga pressoché insuperabile. Giocatori che oggi, da Heitinga a Mathijsen fino all’impresentabile Van Bommel, hanno due anni e qualche acciacco in più sulle spalle. Che dire poi del ruolo di terzino sinistro, passato dal veterano Van Bronckhorst all’imberbe Willems, 18enne di belle speranze gettato però in un contesto troppo più grande di lui?

Se il conservatorismo può essere fonte di risultati, la sua versione estrema – l’immobilismo – risulta deleterio. E in questo Europeo Van Marwijk è sembrato pericolosamente simile al Lippi sudafricano, capitano che ha preferito affondare con la propria nave piuttosto che buttare a mare i reduci. Con la differenza che il Marcello nazionale la coppa del mondo era quantomeno riuscito a sollevarla. Il ct oranje si è invece fermato un passo prima. Ma il debito di riconoscenza verso quei giocatori, da Sneijder a Robben a Van Persie, che lo avevano portato a un passo dall’impresa non è mai venuto meno, indipendentemente da qualsiasi questione di natura atletica o tattica. Logico che i vari Huntelaar e Van der Vaart, esclusi per questioni di status, non abbiano gradito.

Contro la bestia nera Portogallo, battuto una sola volta in 10 incontri, l’Olanda si presenta con lo spogliatoio in frantumi, una condizione fisica approssimativa e il morale sotto i tacchi. Comunque vada, sarà senza gloria.

Fonte: Il Giornale

sabato 9 giugno 2012

Huntelaar: "Olanda di qualità per fare l'impresa, e io devo esserci"

Huntelaar, lei si presenta all’Europeo con un bottino di 53 reti stagionali. Sarà la volta buona per vederla titolare in un grande torneo internazionale?
Lo spero proprio, e mentirei se non dicessi così. Credo di essermi guadagnato sul campo la chance di giocare titolare nell’Olanda. Ho giocato tutte le partite di qualificazioni, ho dato il mio contribuito in termini di reti (12, nda), perché ora dovrei farmi da parte?

Forse perché nel suo ruolo c’è un certo Robin van Persie, capocannoniere della Premier League?
In Olanda si parla tanto del nostro dualismo, ma secondo me è un falso problema. Io e Robin abbiamo giocato assieme in passato, lui come numero 10 e io come prima punta. Possiamo farlo benissimo ancora.

Qualcuno dice che l’Olanda abbia troppa qualità davanti.
E’ una considerazione piuttosto insensata, come gran parte delle chiacchiere che ho ascoltato fino ad ora. Per me conta solo il campo. E poi, come sostiene Dennis Bergkamp, i giocatori di qualità sanno sempre a giocare bene assieme.

Come vice-campioni del mondo, è scontato inserirvi nel gruppo delle favorite.
Concordo. Se siamo tutti in forma, possiamo battere chiunque. Qualitativamente non siamo inferiori né alla Spagna né alla Germania, ma ciò non significa sottovalutare le altre avversarie. Siamo stati sorteggiati nel girone più difficile dell’Europeo e questo può essere un bene, perché dovremo partire subito a mille.

I giocatori chiave dell’Olanda?
Wesley Sneijder in primis, è il cervello della squadra. Se gira lui, giriamo tutti. Ma non c’è un giocatore della rosa che non possa essere determinante, incluso il baby Jetro Willems.

Un buon Europeo può significare per Huntelaar la possibilità di lasciare lo Schalke 04 per un club ancora più prestigioso?
Non credo che qualche rete a Euro 2012 possa rendermi più o meno appetibile in sede di mercato. Di una cosa però sono sicuro: non mi trasferirò in un top club senza la garanzia di un posto da titolare. L’errore l’ho già fatto al Milan.

Esperienza da dimenticare?
In campo, si. Mi facevano giocare in fascia, disputavo un paio di buone partite e mi ritrovavo lo stesso in panchina. Non c’era stabilità. Ma non rimpiango di essere venuto in Italia. E’ stato un arricchimento professionale, e poi il paese è splendido.

Com’era il Real Madrid pre-Mourinho?
Caotico. Ricordo gli allenamenti, così blandi che una volta mio padre mi disse che a quei ritmi avrebbe potuto allenarsi anche lui. Ovviamente esagerava, ma in Italia e in Germania ho trovato molta più intensità. Ma adesso con Mourinho credo sia cambiato tutto.

Questo Europeo rappresenta l’ultima chiamata per la vostra generazione?
Molti di noi sono attorno ai 28 anni di età, ovvero il momento della massima maturità fisica e psicologica per un giocatore. Un po’ presto per parlare di ultima chance.

D’accordo, ma chi lo vince questo Europeo?
Pronostico troppo difficile. Nel 2004 battemmo senza problemi la Grecia in amichevole, ma poi chi diventò campione d’Europa quell’estate? Già, proprio loro…

Fonte: Il Giornale