domenica 7 ottobre 2012


Radio Olanda interrompe le trasmissioni. Vi lasciamo con una splendida veduta di una porzione dello skyline di Rotterdam, con sullo sfondo il mitico De Kuip.
Un ringraziamento a tutti coloro che hanno visitato, letto e/o commentato il blog.
Arrivederci su altri media.

venerdì 31 agosto 2012

Maghrebian Messi Oussama Assaidi perfectly suited to Liverpool impact

Comparing a player to Lionel Messi is not the best way to introduce a budding star, setting him up, as it inevitably does, for relative failure. However, for those who have followed new Liverpool signing Oussama Assaidi during his last two seasons at Heerenveen, it is unquestionable that there is a similarity between the Moroccan winger and Ballon d’Or holder Messi. Like the Barcelona icon, Assaidi is very fast with the ball at his feet and has impressive dribbling ability that allows him to quickly change direction, switch feet and turn opponents to create space or get past his man.

Though Assaidi is a Messi-style player, this does not mean that he has the potential to reach the heights scaled by the Argentine phenomenon. The Moroccan is more a winger than a striker, still needs to develop physically and cool his temperament a little. Assaidi is not the easiest player to coach and can in this way be compared with new team-mate Luis Suarez.

 “Assaidi is extremely gifted”, said Jan de Jonge, the man behind the Moroccan’s breakthrough in the Eredivisie. “However, sometimes talent is not enough to survive in a tough competition like the Premier League. Oussama must keep working on his physical attributes and show the right mental attitude.”

The Moroccan will fit perfectly into new Liverpool manager Brendan Rodgers’ tactical approach. His “if you do not have the ball you cannot score” philosophy needs highly creative and technically gifted players on the flanks who have flair and can change the pace of the game in a second. A footballing approach which is not far off that Assaidi learned at Heerenveen.

The Frisian club are widely known for their attractive attacking football, as the 2011/12 season showed. Heerenveen ended the Eredivisie in fifth spot with 79 goals scored, finishing in the Europa League zone after being firmly in the title race until March. For the side, a superb attacking line was the driving force: Assaidi on the left (despite being right footed), Luciano Narsingh on the right and Bas Dost in the middle. Dost ended the Eredivisie campaign as top scorer with 32 goals, with most being put on a plate by Narsingh and Assaidi. Liverpool’s new number 11 finished as Heerenveen’s second-highest scorer with ten goals. And this despite missing a number of games due to back and Achilles tendon problems.

Before joining Liverpool, the 24-year-old was close to signing for Ajax. The deal faltered though as Assaidi was not happy with the salary on offer at the Amsterdam ArenA. Moving from Heerenveen to Amsterdam would have been a homecoming for the Morocco international, as he grew up in the city, playing football on its streets. In a quirk of fate, one of his playmates then, Narsingh, would later become his team-mate at Heerenveen.

Born on 15th August 1988, in Beni-Boughafer, a village in northern Morocco, Assaidi moved to Holland at the age of four. He took his first steps into football at local Amsterdam side Zeeburgia before joining AZ Alkmaar’s academy. After three years though, AZ showed the youngster the door for poor performance at school and a troublesome attitude. In the summer of 2006, Assaidi began his professional career at FC Omniworld in the Eerste Divisie (Holland’s second tier), then was scouted by former De Graafschaap coach Jan de Jonge, who brought him up to the Eredivisie. The winger spent just one year with the Superboeren, who had in the meantime been relegated, and moved to Heerenveen on the last day of the 2008/09 summer transfer window, having scored five goals in five games in the Eerste Divisie.

Once in Friesland, Assaidi joined forced once again with De Jonge, who this time worked as an assistant coach. The speedy winger’s glory day came on 12th December 2010, when he led Heerenveen to a crushing 6-2 win over Twente, scoring a hat-trick, delivering two assists and winning a penalty. After the match, the Dutch press labelled Assaidi the “Maghrebian Messi”. Two months later, he made his debut for Morocco, despite being eligible to play for Holland.

“Rodgers convinced me to choose Liverpool”, said Assaidi in his first interview on English soil. “How he wants to play is the way I like to. We both want to play football.” The Moroccan’s skills could dovetail with other versatile players such as Suarez and Fabio Borini, especially in a 4-3-3 system. However, the Reds need time to adapt to such a radical tactical change. And Assaidi needs to settle in the Premier League. How long will Liverpool fans give the team and their new Moroccan signing to produce results? For Assaidi, this could be the difference between success and failure.

lunedì 27 agosto 2012

Sion hit gold with Gennaro Gattuso capture

It took about a month for Gennaro Gattuso to become Swiss side Sion’s key player and at the same time demonstrate that he did not sign up with president Christian Constantin’s side for a long-term holiday amongst the vineyards and valleys of the Canton Valais. With his unmistakable style of play, marked by tough tackling and a never-say-die attitude, Gattuso is the undisputed leader of a pack aiming to break Basel’s dominance of Swiss football.

At the time of writing Sion are topping the Swiss Super League, having collected 16 points from seven games, with five of those clashes resulting in victories. Coach Sebastien Fournier has so far put substance over style, as Sion rarely play spectacular football. The team does not lack for technically gifted players though, such as attacking midfielder Xavier Margairaz and number 10 Oussama Darragi, the latter having been nicknamed the “Tunisian Riquelme”. However, Sion appear to have been created in Gattuso’s image - and that means a side with a tough, battling spirit founded on hard work.

“It is not easy to go from the Champions League to the Swiss championship”, said Fournier, speaking about Gattuso. “It is a question of motivation. A top player usually thinks that, as the level of football in Switzerland is 50% lower than in the top competitions, giving 50% could be enough to make the difference. It doesn’t work this way. Since the first day Gattuso joined us he has shown an extremely professional attitude”.

Team-mates quickly learned to recognise the famous “Ringhio” (growl in Italian). During the club’s training camp at Saint Prex, a small town along Lake Geneva, Sion were beaten 2-0 by Lausanne in a friendly, the first played with Gattuso in the starting eleven. “He went off the pitch looking so angry that in the dressing room nobody dared to say anything to him”, recalls Swiss journalist Pier Luigi Giganti. “He could not stand losing and he did not care that it was a
simple friendly. The day after that match, all the supporters were mad about him”.

Gattuso himself is full of genuine enthusiasm when he speaks about his new adventure. “The only person who was upset when I chose to join Sion was my wife because that meant she had to go on holiday with the children by herself”, said the Italian midfielder. “Obviously, here in Switzerland it is a world apart from when I was at Milan. At Sion I have to clean my own football boots and switch the studs myself. And when I wear an ankle bandage, all eyes are on me because the bandages are expensive and Sion take care of their money. Every day there is a new challenge here. After 13 years with Milan the time was right to look for something new”.

The midfielder is the household name Sion president Constantin needed to push forward his ambition to make his team a top Swiss club. In the past the president has brought other internationals to the Canton Valais, such as Egyptian goalkeeper Essam El Hadary, Belgian striker Emile Mpenza and former Barcelona midfielder Gabri. But with Gattuso he has excelled himself, signing one of the finest defensive midfielders of the last decade and a World Cup winner to boot.

“Swiss football desperately needed to hit the headlines for positive reasons after seeing its credibility fall below zero last year due to Neuchatel Xamax and Sion”, said another Swiss journalist, Paolo Galli. “Xamax were led to bankruptcy by businessman Bulat Chagaev, while Sion were excluded from European competition for fielding ineligible players in a game and lost their legal battle against the Swiss FA and UEFA, with a 36-point deduction which almost led them to ruin. The Super League needed a breath of fresh air. This time Constantin has done something good for our football’s image abroad”.

Since architect Constantin bought Sion in 2003, the club have won the Swiss Cup three times, but always failed to collect what would be their third national title, after 1992 and 1997. Constantin chopped and changed coaches, appointing an astonishing 24 in ten years, but perhaps now he has settled on the right man to lead Sion back to the top. That man though does not sit on the bench, but directs the team from the pitch. That man is Gennaro Gattuso.

sabato 18 agosto 2012

E' Calato il Leccaos

Ci sono campionati che attirano gli sceicchi e altri che affascinano qualche oligarca dell’Est. In Italia invece siamo spesso costretti ad accontentarci di macchiette stile Borgorosso football club. L’ultimo in ordine di apparizione è Giuseppe “Joseph” Cala, manager italo-americano con alle spalle decine di tentativi falliti di acquisto di società calcistiche, dal Torino al Bari, dall’Ascoli alla Salernitana (ma dalla Campania sparì dopo 12 giorni) fino agli inglesi del Portsmouth. Un inquieto girovagare terminato lo scorso giugno con l’acquisto del Calcio Lecco, fresco di retrocessione in Serie D. Un livello forse un po’ troppo basso per chi nutre l’ambizione di “creare un club di livello mondiale modello Juventus”, ma non ditelo al signor Cala. “Non vuol dire niente, anche la Microsoft è partita con un solo impiegato”.

Dopo anni di grigiore calcistico, la città del Manzoni è pronta per tornare a recitare un ruolo di primo piano nel mondo del pallone. Come? Attraverso la quotazione alla borsa Nasdaq di New York, la creazione di un super-settore giovanile e l’apertura di filiali in Africa, Asia e Sudamerica. Un impegno “non di 2-3 anni, ma per tutta la vita” che però stenta a decollare. A meno di un mese dall’inizio del campionato manca tutto: un campo di gioco di proprietà, una sede, persino i giocatori. “Non so quanti di loro sono tesserati” ha dichiarato il tecnico Stefano Franciosa (pescato da Cala nella C finlandese) in quella che avrebbe dovuto essere la conferenza di presentazione della squadra. I nomi? Mistero. Gli allenamenti? Sgambate di un’oretta e poi partitella, come all’oratorio. Ma nemmeno con i ragazzini della Berretti della si arriva a giocare undici contro undici.

Nel frattempo, tra pernottamenti allo stadio, sponsorizzazioni fantasma e finte denunce di aggressione (smentite dai diretti interessati, ovvero il segretario Ivan Corti e il direttore tecnico delle giovanili Ernesto Nani), Cala ha mantenuto solo una promessa: quotare il Lecco al Nasdaq, inserendo la società nella sua Cala Corporation. Di cosa si occupa? “Non importa l’attività ma il fatturato che produce”. Oltre che con la trasparenza, l’italo-americano sembra avere qualche problema con i pagamenti: gli 800mila euro di debiti lasciati dalla precedente gestione non sono ancora stati saldati. E se con i tifosi è stata guerra aperta sin dal primo giorno, adesso si sono incrinati anche i rapporti con il Comune.

“Lecco in Serie A in cinque anni”, così si è presentato Cala. Una battuta che oggi suona surreale quanto il clima creatosi attorno alla società blu celeste. Nell’anno del centenario, a Lecco avrebbero gradito regali migliori.

Fonte: Il Giornale

sabato 23 giugno 2012

Terry il terribile

Balotelli? Un chierichetto. Cassano? Un simpatico guascone. Confrontando i ragazzi terribili di casa Azzurri con quelli di sua maestà, il divario è notevole. Perché quando il gioco si fa duro, nessuno è come gli inglesi. Basta prendere uno dei giocatori simbolo della nazionale di Roy Hodgson: John Terry. Lo chiamano il capitano senza fascia, perché a dispetto delle indiscutibili doti carismatiche, e dell’esperienza maturata in un decennio di calcio ad altissimo livello, non tocca a lui a indossare la fascetta di capitano dei Tre Leoni. Era così due anni fa al Mondiale 2010, lo è ancora oggi a Euro 2012. Ragioni di letto nel primo caso, di (presunto) razzismo nel secondo.

Terry l’ubriacone, il rissoso, il dongiovanni. L’11 settembre 2011 viene pescato a notte fonda ubriaco fradicio nel bar di un hotel di Heatrow con i compagni Gudjohnsen, Lampard e Morris; il Chelsea li multa togliendogli un mese di stipendio. Sei mesi dopo viene coinvolto in una mega rissa alla festa per la nascita della figlia dell’allora compagno di squadra – pluri-recidivo in bravate – Jody Morris. Nel 2007 il News of the World lo becca mentre urina sulla pista da ballo di uno strip-bar mentre, nel corso di una serata ad alto tasso alcolico assieme ad altri compagni, freschi di sconfitta contro la Croazia che era costata all’Inghilterra la mancata qualificazione a Euro 2008. Dopo bacco, ecco Venere: nel gennaio 2010 Terry, appena nominato papà dell’anno, finisce di nuovo sulle prime pagine dei tabloid per la sua relazione con la modella di lingerie Vanessa Perroncel, all’epoca legata a Wayne Bridge, compagno di JT sia al Chelsea che in nazionale. “Io accanto a quel maiale non gioco”, dice Bridge rinunciando alla convocazione ai Mondiali sudafricani. Terry ci andrà, privo però della fascia di capitano.

Lo scorso 23 ottobre, ecco l’ultimo capitolo del Terry-gate. Al termine di Queens Park Rangers-Chelsea Anton Ferdinand, fratello del difensore del Manchester United Rio, accusa Terry di insulti razzisti. Un caso controverso che si risolverà solamente il prossimo 9 luglio, giorno in cui è attesa la sentenza del tribunale. Nel frattempo Fabio Capello si è dimesso da ct dell’Inghilterra per l’intrusione della Federcalcio inglese nella questione riguardante la fascia di capitano, e il suo successore Roy Hodgson ha pensato di non convocare Rio Ferdinand per l’Europeo. Ufficialmente perché l’81 volte nazionale inglese non riuscirebbe più a reggere una partita ogni tre giorni; ufficiosamente per non causare un terremoto nello spogliatoio.

Perché a uno come Terry non si può rinunciare. 3 Premier League, 1 Champions League, 4 FA Cup e 2 Carling Cup vinte con il Chelsea, giocatore inglese dell’anno nel 2005, 4 volte incluso nella squadra dell’anno di FIFPro (la Federazione internazionale dei calciatori professionisti). Leader vero, soprattutto in campo. Chi gioca accanto a lui migliora, basta vedere la stagione disputata nel Chelsea dall’emergente Gary Cahill o l’Europeo senza sbavature giocato finora da Joleon Lescott. Terry è lo specchio dell’Inghilterra di Hodgson, così come lo è stato del Chelsea Di Matteo; squadre rognose, scorbutiche, brutte a vedersi e poco considerate dai pronostici. Squadre però capaci di non mollare mai. E l’Italia dei chierichetti farà bene a non dimenticarselo.    

Fonte: Il Giornale

sabato 16 giugno 2012

Spremuta d'oranje

Comunque vada, sarà senza gloria. La più brutta Olanda dai tempi di Louis Van Gaal (mancata qualificazione al Mondiale 2002) rimane aggrappata all’Europeo grazie a un puro calcolo matematico, ma anche in caso di qualificazione ci sarà poco da festeggiare. Da corazzata quasi imbattibile ad armata brancaleone nell’arco di due anni. Anzi, di pochi mesi, visto che fino allo scorso ottobre i tulipani potevano vantare l’invidiabile ruolino di sole 2 sconfitte (una delle quali - la finale Mondiale contro la Spagna - ai supplementari) in 42 incontri sotto la gestione Bert Van Marwijk.

Statistiche che hanno finito per contagiare l’ambiente con quel senso di superiorità che da sempre è stato uno dei principali talloni d’Achille dell’Olanda, spesso deludente proprio quando si è presentata ai blocchi di partenza da favorita (Italia 90, Euro 92, Euro 2000). L’abbondanza di talento, innegabile, ha fatto il resto. Con elementi quali Sneijder, Van Persie, Robben, Van der Vaart, Huntelaar e Afellay si sarebbe dovuti viaggiare sul velluto. Ed ecco quindi allenamenti blandi, libere uscite a go go e un clima fin troppo rilassato e vacanziero. “Quando sentiamo Snejider dichiarare che non c’è di nulla di cui preoccuparsi”, ha scritto il De Telegraaf alla vigilia, “cominciamo a essere seriamente preoccupati”.

La spremuta di oranje servita a Kharkiv da Danimarca e Germania non può evitare di chiamare in causa il ct Van Marwijk, l’anti-divo che due anni fa era riuscito nel miracolo di compattare uno spogliatoio pieno di galli nel pollaio. Ma il gioco è durato fino a quando hanno retto gambe e difesa, perché nemmeno in Sudafrica il gioco dell’Olanda fu scintillante. Le basi però erano solide, con le stelle protette da una nutrita colonia di “waterdragers” (portatori d’acqua) che costituivano una diga pressoché insuperabile. Giocatori che oggi, da Heitinga a Mathijsen fino all’impresentabile Van Bommel, hanno due anni e qualche acciacco in più sulle spalle. Che dire poi del ruolo di terzino sinistro, passato dal veterano Van Bronckhorst all’imberbe Willems, 18enne di belle speranze gettato però in un contesto troppo più grande di lui?

Se il conservatorismo può essere fonte di risultati, la sua versione estrema – l’immobilismo – risulta deleterio. E in questo Europeo Van Marwijk è sembrato pericolosamente simile al Lippi sudafricano, capitano che ha preferito affondare con la propria nave piuttosto che buttare a mare i reduci. Con la differenza che il Marcello nazionale la coppa del mondo era quantomeno riuscito a sollevarla. Il ct oranje si è invece fermato un passo prima. Ma il debito di riconoscenza verso quei giocatori, da Sneijder a Robben a Van Persie, che lo avevano portato a un passo dall’impresa non è mai venuto meno, indipendentemente da qualsiasi questione di natura atletica o tattica. Logico che i vari Huntelaar e Van der Vaart, esclusi per questioni di status, non abbiano gradito.

Contro la bestia nera Portogallo, battuto una sola volta in 10 incontri, l’Olanda si presenta con lo spogliatoio in frantumi, una condizione fisica approssimativa e il morale sotto i tacchi. Comunque vada, sarà senza gloria.

Fonte: Il Giornale

sabato 9 giugno 2012

Huntelaar: "Olanda di qualità per fare l'impresa, e io devo esserci"

Huntelaar, lei si presenta all’Europeo con un bottino di 53 reti stagionali. Sarà la volta buona per vederla titolare in un grande torneo internazionale?
Lo spero proprio, e mentirei se non dicessi così. Credo di essermi guadagnato sul campo la chance di giocare titolare nell’Olanda. Ho giocato tutte le partite di qualificazioni, ho dato il mio contribuito in termini di reti (12, nda), perché ora dovrei farmi da parte?

Forse perché nel suo ruolo c’è un certo Robin van Persie, capocannoniere della Premier League?
In Olanda si parla tanto del nostro dualismo, ma secondo me è un falso problema. Io e Robin abbiamo giocato assieme in passato, lui come numero 10 e io come prima punta. Possiamo farlo benissimo ancora.

Qualcuno dice che l’Olanda abbia troppa qualità davanti.
E’ una considerazione piuttosto insensata, come gran parte delle chiacchiere che ho ascoltato fino ad ora. Per me conta solo il campo. E poi, come sostiene Dennis Bergkamp, i giocatori di qualità sanno sempre a giocare bene assieme.

Come vice-campioni del mondo, è scontato inserirvi nel gruppo delle favorite.
Concordo. Se siamo tutti in forma, possiamo battere chiunque. Qualitativamente non siamo inferiori né alla Spagna né alla Germania, ma ciò non significa sottovalutare le altre avversarie. Siamo stati sorteggiati nel girone più difficile dell’Europeo e questo può essere un bene, perché dovremo partire subito a mille.

I giocatori chiave dell’Olanda?
Wesley Sneijder in primis, è il cervello della squadra. Se gira lui, giriamo tutti. Ma non c’è un giocatore della rosa che non possa essere determinante, incluso il baby Jetro Willems.

Un buon Europeo può significare per Huntelaar la possibilità di lasciare lo Schalke 04 per un club ancora più prestigioso?
Non credo che qualche rete a Euro 2012 possa rendermi più o meno appetibile in sede di mercato. Di una cosa però sono sicuro: non mi trasferirò in un top club senza la garanzia di un posto da titolare. L’errore l’ho già fatto al Milan.

Esperienza da dimenticare?
In campo, si. Mi facevano giocare in fascia, disputavo un paio di buone partite e mi ritrovavo lo stesso in panchina. Non c’era stabilità. Ma non rimpiango di essere venuto in Italia. E’ stato un arricchimento professionale, e poi il paese è splendido.

Com’era il Real Madrid pre-Mourinho?
Caotico. Ricordo gli allenamenti, così blandi che una volta mio padre mi disse che a quei ritmi avrebbe potuto allenarsi anche lui. Ovviamente esagerava, ma in Italia e in Germania ho trovato molta più intensità. Ma adesso con Mourinho credo sia cambiato tutto.

Questo Europeo rappresenta l’ultima chiamata per la vostra generazione?
Molti di noi sono attorno ai 28 anni di età, ovvero il momento della massima maturità fisica e psicologica per un giocatore. Un po’ presto per parlare di ultima chance.

D’accordo, ma chi lo vince questo Europeo?
Pronostico troppo difficile. Nel 2004 battemmo senza problemi la Grecia in amichevole, ma poi chi diventò campione d’Europa quell’estate? Già, proprio loro…

Fonte: Il Giornale

Euro 2012 Group B: Holland v Denmark match preview

Tulips bloom time
From October to May, Holland suffered the first slump of Bert van Marwijk’s era since the coach’s appointment in 2008, with four defeats out of seven games. Most of them (against Germany, Bayern Munich and Bulgaria) however were meaningless friendlies, meaning criticism really failed to land at the Oranje’s door.

“The last two games before Euro 2012 will be our medicine”, stated Van Marwijk. He was right, as Holland easily beat Slovakia 2-0 and Northern Ireland 6-0. Do these victories mean that the side’s confidence is back? To be honest, it never went away.

Holland’s most recent friendlies were useful for Van Marwijk to settle upon his best starting eleven – and that is not the easiest thing to do due to the abundance of talented players in the Dutch squad. The coach has chosen Robin van Persie above Klaas-Jan Huntelaar as central striker, Ibrahim Afellay as the side’s left winger with Arjen Robben on the right, and 18-year-old Jetro Willems as left-back..

Nothing to lose
Denmark have nothing to lose in the hardest group at Euro 2012. This means Morten Olsen’s man can play freely, without any real pressure; and this could be dangerous for the Dutch.

A 2-0 victory over Australia in the country’s last warm-up clash has boosted the Danes’ confidence after poor displays in friendly defeats to Russia and Brazil. However, Denmark still seem to be unable to perform at their best against top class opponents.

Despite playing with an attacking looking 4-3-3, Denmark will focus on a solid defensive display and a one-chance-one-goal philosophy up front. The dramatic lack of a potent striker forces coach Olsen to develop the side’s game on the flanks, with two wingers in Krohn-Dehli and Rommedahl as the team’s most dangerous weapons; that is if the duo can turn in a consistent level of performance, which has often deserted them. And it is consistency that Denmark’s main creative outlet, Christian Eriksen, also still lacks..

Players to watch
Holland – Ibrahim Afellay: Despite only returning to action at the end of April, having been sidelined for eight months due to injury, Barcelona star Afellay was given a vote of confidence with inclusion in the Oranje squad. He has quickly shown himself to be in good form, becoming the regular option for Van Marwijk on the left flank in a 4-2-3-1. His exquisite technical skill, alongside a strong work ethic, combined with a good nose for goal (he scored a brace in Holland’s friendly against Northern Ireland), make him one of the Oranje’s most dangerous players.

Denmark – Michael Krohn-Dehli: Speedy winger Krohn-Dehli will come to face-to-face with former Ajax team-mates Maarten Stekelenburg, John Heitinga, Gregory van der Wiel and Huntelaar. Unlike those stars, the Dane failed to make the breakthrough at the Dutch giants, moving back home to Denmark. At Brondby, he developed into one of the country’s best players, becoming a regular in the national team; he scored four times in 2011. Krohn-Dehli’s speed on the right flank may make him a nightmare for inexperienced Dutch left-back Willems.

Match prediction
“After our star Wesley Sneijder said there is nothing to be worried about, I am worried”, joked a columnist at Dutch paper De Telegraaf. The statement sums up the situation clearly, with a lack of urgency looking to be Holland’s worst enemy. Under Van Marwijk, however, Holland have never failed to perform in the big games. Denmark are rightful underdogs and their fighting spirit may not be enough to take anything from this. Holland 3-0 Denmark.

Fonte: Inside Futbol

venerdì 8 giugno 2012

Euro 2012: Holland

Since winning the European Championship in 1988, Holland have never failed to reach the knockout phase of the competition. However, the Oranje have not gone beyond the semi-final too. Both in 1992 and 2000 Holland were knocked out after penalty shootouts, while in 2008 a brilliant group stage ended in disappointment as Guus Hiddink’s Russia showed the Dutch the door in the quarter-final.

Holland had an impressive qualifying campaign for Euro 2012, netting 37 goals in ten games and conceding just eight – three coming in the final match against Sweden which was a 3-1 defeat. That stopped Holland recording a 100 per cent qualifying record, as they had on the way to the 2010 World Cup. Coach Bert van Marwijk can call upon a stunning array of attacking talents, including Arjen Robben, Wesley Sneijder, Rafael van der Vaart, Dirk Kuyt, Robin van Persie and Klaas-Jan Huntelaar. While selecting a team will not be easy for Van Marwijk, if he can find the right mix, the 2010 World Cup finalists could go one better than in South Africa.

In The Dugout – Bert van Marwijk
Van Marwijk took over as coach after Euro 2008 and guided his team to the 2010 World Cup in style. He then took the Oranje to the competition’s final, beating Brazil and Uruguay along the way before losing to Spain, only in extra time. Despite criticism of his side’s cynical approach, the coach has continued to enjoy a good relationship with the country’s media, thanks to an almost perfect Euro 2012 qualifying campaign. Van Marwijk has previously bossed Feyenoord and Borussia Dortmund, winning the 2002 UEFA Cup with the former. His daughter Adra is married to Dutch international Mark van Bommel, who worked with his father-in-law at Fortuna Sittard between 1997 and 1999.

Key player: Klaas Jan Huntelaar
Huntelaar is not a striker who stands out on account of an exquisite technique, and his goals are rarely spectacular, but the Schalke man is ruthless in front of goal. Last February, Huntelaar became the second most efficient Dutch striker of all-time, firing himself to an impressive goal per minute ratio of 96.20, due to 30 goals in 2,886 minutes played. And with 12 goals in eight games he finished as the Euro 2012 qualifiers top scorer. The goal machine has been on fire domestically too, finishing as Schalke’s top scorer with 48 goals in all competitions.

View from Holland
The Dutch squad is full of talent and will be one of the favourites for Euro 2012, and in Holland, nobody doubts that the country could win the tournament. At present, the discussion is around who should lead the line, Huntelaar or Van Persie, and what is the best tactical setup for the side. There is nevertheless an expectation that Van Marwijk will make the right calls and lead Holland to the title.

Holland have unbelievable attacking strength, while the jury is still out on the country’s defence. The team lack a top class left-back and in the last six months have lost more games (three) than in the previous three years (two). And the side must be at their best from the off, given the tough nature of the group. Potentially Holland have enough quality to beat all their opponents and to bring home the second major piece of silverware in their history after the legendary campaign of 1988.

Fonte: Inside Futbol

giovedì 7 giugno 2012

Euro 2012: Denmark

In 1992, Denmark shocked the whole of Europe by winning the European Championship despite having just two weeks to prepare for the tournament. The Danes were allowed to compete after Yugoslavia, who finished above the country in the qualifying round, were banned due to civil war in the Balkans. Since then, Denmark have failed to qualify for the finals only in 2008, but in previous editions could not get further than the quarter-final (in 2004).

After a disappointing 2010 World Cup, in which Denmark failed to reach their declared goal of making the Round of 16, Morten Olsen’s men produced a solid qualifying campaign, topping their group ahead of Portugal and Norway. Denmark make up for the lack of a prolific striker with a solid defence and high-quality midfield which blends creativity (Christian Eriksen, Lasse Schone), speed (Michael Krohn-Dehli) and experience (Christian Poulsen). Despite clear underdog status, the Danes are still a team that can be hard to handle and could surprise stronger sides.

In The Dugout – Morten Olsen
A living legend in Denmark, Olsen has clocked up more than 100 matches as a player and coach. Euro 2012 will be yet another tournament for Denmark under the boss who first took charge in 2000. Despite many ups and downs, Olsen’s reign has been the second most successful in the era of full time professional Denmark coaches, thanks to a win percentage of 52.8%. Only Richard Moller-Nielsen, who led Denmark to Euro 1992, has done better with 54.8%. After winning two Danish titles in the early 1990s with Brondby, Olsen picked up an Eredivisie-Dutch Cup double with Ajax in the 1997/98 season. His former assistant Michael Laudrup should take over as Denmark coach from next July..

Key Player: Christian Eriksen
Young Danish midfielder Christian Eriksen is one of the few players in the world to have made his debut for his country’s senior side and then the Under-21 team. When the Ajax talent was called up for the Denmark Under-21 squad for the 2011 European Championship, he had already played five times for the senior side, including two at the 2010 World Cup, where he was the youngest player at the tournament. Last June against Iceland, Eriksen also became the youngest ever Danish player to score a goal in European Championship qualification. 2011’s Danish Player of the Year ended the 2011/12 season by winning his second consecutive Eredivisie title with Ajax – he was the Dutch side’s assist king, creating 15 goals.

View from Denmark
The Danes are not fooling themselves: Surviving the group stage would be considered a miracle. Of course, the country remember the glory days when, as outsiders, they surprised all Europe and won the trophy. Only a few die-hard optimists believe that history can repeat itself.

From amongst the 16 Euro 2012 teams, Denmark are not the worst, especially when it comes to quality. Olsen has a well-balanced team at his disposal, a solid defence and one of the most exciting talents in Europe in Eriksen – but they lack a top class striker and even on the flanks Denmark have few options. The country’s biggest problem though is their draw, with a group which it will be almost impossible to survive. They will be stubborn and tough opponents, but nothing more.

Fonte: Inside Futbol

mercoledì 6 giugno 2012

Euro 2012: Portugal

Portugal have a tradition of fine performances at the European Championship, having survived the group stage every time they have made the finals. This has happened five times: twice the country reached the quarter-finals and twice the semi-finals. In 2004, Portugal hosted the tournament and produced their best run ever, all the way to the final; it was only an inspired Greece that spoiled the party, winning 1-0.

After a disappointing start to their qualification tilt for Euro 2012 – 4-4 against Cyprus and a 1-0 loss to Norway – Portugal ended their campaign in style with a spectacular 6-2 victory over Bosnia in the playoffs. Coach Paulo Bento handed the team a boost with several tactical changes which included the involvement of many stars with Sporting Lisbon connections: Joao Moutinho, Nani, Miguel Veloso and Cristiano Ronaldo – the latter was given a free role on the flanks. A quiet-before-the-storm type situation makes Portugal dangerous opponents for any side, especially if their forward line fires.

In The Dugout – Paulo Bento
Bento was handed the Portugal post on 20th September 2010 following Carlos Queiroz’ dismissal after a poor start to the Euro 2012 qualifying campaign. In just a few months he managed to turn Portugal from a depressed team into one playing with joy and secured the country’s spot at the finals. A big feather in the coach’s cap came on 17th November as Portugal defeated World Cup winners Spain 4-0 in Lisbon, inflicting their heaviest defeat on their Iberian neighbours since 1963. A former international, capped 35 times, Bento retired in 2004 and just 18 months later took over as Sporting Lisbon coach, leading the club to two Portuguese Cups and two Portuguese Super Cups in four years.

Key Player: Cristiano Ronaldo
No introduction is needed for one of the world’s best players. Ronaldo has it all, pace, power, dribbling, heading, shooting, vision and a never-say-die attitude. His 2011/12 campaign also saw him prevail over arch-rival Lionel Messi, both individually and with club side Real Madrid. The Portuguese was vital for Los Blancos’ 32nd title, scoring 46 goals in 38 La Liga games and also becoming the only player in Spanish league history to score 40 goals in two successive seasons. Ronaldo was also Portugal’s top scorer in qualification for Euro 2012 with seven goals. Currently the country’s third all-time top goal-getter (after Pauleta and Eusebio), the Funchal-born star is expected to make a big impact in Poland/Ukraine after disappointing displays at Euro 2008 and the 2010 World Cup.

View from Portugal
The stability brought by Bento has increased expectation amongst the Portuguese public and hopes are high that the country can survive what is Euro 2012’s “Group of Death”. If Portugal can succeed in making the knockout phase, then the semi-final is considered a realistic aim, especially if Ronaldo can reproduce his Real Madrid performances.

In Portugal all eyes are focused on Ronaldo. In the past, this pressure has not helped the Real Madrid phenomenon, who has found himself under fire for a lack of consistency at international level. Portugal need Ronaldo to shrug this off and be at his best for the side to go further than the group stage at Euro 2012, especially taking into account the country’s defensive weakness with key players Ricardo Carvalho and Jose Bosingwa missing – both had a bust-up with Bento. A clean sheet philosophy does not suit the Portuguese and Ronaldo, with Nani and Helder Postiga, must aim to make sure the side score one more goal than their opponents.

Fonte: Inside Futbol

martedì 5 giugno 2012

Euro 2012: Germany

Germany are the most successful team in European Championship history, having won the competition a record three times. Their most recent success however came back in 1996 and, while they reached the final in Austria/Switzerland four years ago, Spain triumphed 1-0.

The country’s qualifying campaign was flawless with ten wins from ten games, 34 goals scored and only seven conceded. Miroslav Klose (nine goals) and Mesut Ozil (seven assists) were the Germans’ key players, although rising talents Mario Gotze and Marco Reus will be keen to steal their limelight at Euro 2012. Lesser known, but also extremely talented, is Mats Hummels, one of the Bundesliga’s best centre backs.

In The Dugout – Joachim Löw
“If it had not been for Jurgen Klinsmann, I would probably be coach of Fortuna Leuben (an amateur side) now”, said Low, paying tribute to the former Germany coach, who chose him as his assistant when he replaced Rudi Voller after Euro 2004. Two years later, following Klinsmann’s resignation, Low took over, leading Germany to a runners-up spot at Euro 2008 and third at the 2010 World Cup. Before managing the national team, Low worked in Switzerland, Germany, Turkey and Austria, winning a German Cup in 1997 with Stuttgart and an Austrian league title in 2002 with Tirol Innsbruck. He is under contract with Germany until 2014.

Key Player: Manuel Neuer
The second most expensive goalkeeper of all-time, last season Neuer showed that Bayern Munich had not wasted a single cent of the €22M it took to sign him from Schalke. In the Bundesliga, the German broke Oliver Kahn’s Bayern Munich record for the most competitive clean sheets in a row, going over 1,000 minutes without conceding. The Champions League also saw Neuer playing a key role in the Bavarians reaching the final as he saved penalties from Cristiano Ronaldo and Kaka in the Bernabeu. Neuer played every single minute of Germany’s Euro 2012 qualification campaign, conceding only seven goals in ten games.

View from Germany
Germany are considered favourites to lift the trophy alongside Spain, and the country’s media are very confident about their chances. However, the Champions League final lost by Bayern Munich saw enthusiasm in the country cool a little. It is not always the best (or the most talented) team that wins – that is a lesson recently learnt through Chelsea’s victory at the Allianz Arena.

Germany have everything needed to win Euro 2012: talent, solidity, an attacking mentality, and a "team first" attitude. The hardest part of Low’s job will be finding his best eleven players, especially in midfield where the country have an embarrassment of riches with Sami Khedira, Bastian Schweinsteiger, Toni Kroos, Mesut Ozil, Mario Gotze, Marco Reus, Thomas Muller and Lukas Podolski all able to slot in. Up front it will be a hard choice for Low too between goal machines Mario Gomez and Miroslav Klose. Should the cards fall right, Germany are likely to be celebrating a fourth European Championship success.

Fonte: Inside Futbol

venerdì 1 giugno 2012

Kizito, homeless dalle pizze allea nazionale

Khartoum, 29 marzo 2012, minuto 34 di Egitto-Uganda. Il retropassaggio di Ghaly al proprio portiere è corto. Troppo. Per Fabian Derrick Ssubi Kizito è un gioco da ragazzi avventarsi sul pallone e spedirlo in rete. La Cenerentola Uganda è in vantaggio contro il sette volte campione d’Africa Egitto. Non durerà, ma a Kizito importa ben poco. Fino a qualche mese prima era un perfetto sconosciuto nel suo paese. Adesso eccolo idolo nazionale, in rete al debutto. Proprio lui, il ragazzo che sbarcava il lunario lavorando in pizzeria, che dormiva sui marciapiedi alla periferia di Rotterdam, e che tre anni fa aveva deciso di abbandonare il calcio.

Kizito ha 21 anni, e vive in Olanda da quando ne aveva 6. Aveva lasciato l’Uganda per raggiungere la madre, fuggita dal brutale regime di Idi Amin. Il padre invece è sempre stato latitante. Come migliaia di ragazzini, anche Kizito sogna un futuro da calciatore professionista. Ci prova a Breda, ma manda al diavolo l’allenatore e viene messo alla porta. La ruota sembra girare nel verso giusto quando, migrato a Rotterdam, supera un provino con l’Excelsior, il terzo club cittadino dopo Feyenoord e Sparta. Il primo anno viene premiato come miglior nuovo arrivo del club. Due brutti infortuni però bloccano la sua ascesa. Ha da poco compiuto i 18 anni quando decide di abbandonare. Nel frattempo la madre è tornata in Uganda e Kizito, complice la rottura di una relazione sentimentale, si trova solo, senza casa e senza soldi. Si mantiene con qualche lavoretto, continua ad andare a scuola e vaga per Rotterdam alla ricerca di un posto caldo dove dormire la notte.

Lo scorso novembre giunge in Olanda una giornalista ugandese per un’intervista con il centrocampista dell’Ajax Eyong Enoh. Mamma Kizito la conosce, e le presenta il figlio. “Mi vide giocare nel Leonidas (club amatoriale di Rotterdam, nda) e disse che giocavo bene a calcio”, ricorda il giovane. “Mi chiese perché non avevo mai fatto parte della nazionale ugandese. Ma io non sono più professionista – replicai. Lei fece un servizio su di me e lo mandò in onda una volta tornata in Uganda”. Poco tempo dopo è arrivata la chiamata del ct Bobby Williamson, per un provino. C’era un programma un’amichevole contro il Sudan, poi annullata. La partita successiva era quella con l’Egitto. Buona la prima per Kizito. Che la sera stessa, dopo aver incassato un “well done” da Williamson, è rientrato in Olanda. Dove ha ripreso subito a studiare, ad allenarsi e soprattutto a cercarsi una squadra.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

mercoledì 30 maggio 2012

Dejan Meleg, lo schiavo del pallone

Talento purissimo proveniente dalla Serbia. Così la stampa olandese ha presentato il 17enne Dejan Meleg il 1° aprile 2012, giorno del suo sbarco a Schipol. Lo attendeva l’Ajax per un provino. Uno su mille ce la fa, recita una nota canzone, e il ragazzo di Novi Sad sembrava proprio essere tra quelli. A volte però le belle favole nascondono un lato oscuro. Quello di Meleg si chiama Mihael Stankovic, procuratore al quale è legato mediante un contratto con scadenza 2030. Nessun refuso. Fino all’età di 35 anni Meleg sarà rappresentato da Stankovic. Tutto nero bianco, un regolare contratto validato dal tribunale di Novi Sad in data 29 ottobre 2010. Un caso di schiavitù aggiornato ai tempi moderni.

Meleg, trequartista/esterno sinistro, possiede qualità facilmente individuabili. Veloce, tecnico, vede bene il gioco. Così all’età di 15 anni il padre decide di affidarlo a un procuratore, il citato Stankovic. “Farò di tuo figlio un top player”, è la promessa. Per la procura del minorenne Dejan, Stankovic paga 3mila euro, impegnandosi a corrispondere alla famiglia “tutta l’attrezzatura sportiva necessaria” per il ragazzo (il primo acquisto sono sei paia di scarpe da calcio), nonché 200 euro annui.

Il contratto prevede che Meleg versi a Stankovic l’8% di tutti i suoi profitti (incluse le sponsorizzazioni). Il giocatore inoltre non può firmare alcun contratto senza il consenso del suo procuratore. Poi ci sono i bonus: alla prima convocazione di Meleg nell’under-17 serba, il suo agente si intasca 500 euro; per la partecipazione a un Europeo di categoria si passa a 1000, che diventano 3000 per un Mondiale. Infine la clausola rescissoria; Stankovic può abbandonare la procura di Meleg pagando una penale di 1800 euro. Ma se fosse il giocatore a decidere di cambiare agente? In questo caso la cifra sale a 200mila euro.

Il Vojvodina Novi Sad, club nel quale attualmente milita Meleg, ha denunciato il contratto alla FIFA, mettendo nel frattempo fuori rosa il giocatore. L’Ajax, per bocca del direttore finanziario Jeroen Slop, si è dichiarato completamente all’oscuro dell’intera vicenda, evidenziando però la propria intenzione di non entrare nel merito di un contratto che riguarda terzi. Quindi gli ajacidi offrono al Vojvodina 450mila euro, ovvero il costo dell’indennità di formazione. Somma che i serbi ritengono inaccettabile. Per Dejan Meleg si prospetta una squalifica da parte della Federcalcio serba. Suo malgrado, è già diventato famoso.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

martedì 29 maggio 2012

Søderlund profeta (solo) in patria

Nessun posto è come casa. Lo sa bene Alexander Søderlund, ex enfant prodige del calcio norvegese (a 19 anni aveva già debuttato nell’under 21) che fino a un anno fa di prodigioso aveva solo il numero di maglie cambiate in carriera: 9 in 7 anni. Oggi ha esordito nella nazionale norvegese dopo una stagione e mezza tra i bomber della Tippeliga con la maglia dell’Haugesund, squadra della sua città natia.
(Articolo completo su Il mondo siamo noi).

mercoledì 23 maggio 2012

Il pagellone della Eredivisie 2011/12

Con i play-off Europa League e promozione/retrocessione, domenica si è conclusa la stagione 2011/12 di Eredivisie. E’ quindi tempo di bilanci. Prima però, i verdetti definitivi: Ajax campione; Feyenoord ai preliminari di Champions; Psv Eindhoven, Az Alkmaar, Heerenveen, Vitesse e Twente (questi ultimi grazie al ranking fair-play UEFA); Excelsior e De Graafschap retrocessi, e sostituiti rispettivamente da Zwolle e Willem II.

10 – Ronald de Boer e Ronald Koeman. Difficile scegliere chi abbia compiuto l’impresa più grande. De Boer ha bissato il titolo nonostante infortuni, conflitti societari e rovesci in campo (su tutti il 4-6 contro l’Utrecht) che avrebbero fatto deragliare anche la squadra più esperta, chiudendo il campionato con 14 vittorie consecutive. Koeman invece ha preso una squadra di under 21 da centro classifica e l’ha piazzata al secondo posto contro tutti i pronostici, ricostruendosi la carriera dopo i flop di Valencia e Alkmaar.

9 – Bas Dost e Luciano Narsingh. Sono targati Heerenveen sia il capocannoniere (32 gol) che il miglior assist-man (20) della Eredivisie. Il primo ha le movenze, un po’ legnose, di Mario Gomez, ma fortunatamente anche un feeling con il gol molto simile. Il secondo sembra Elia ai tempi del Twente: la miglior ala della Eredivisie. C’è da augurarsi che sappia scegliere meglio le sue prossime squadre.

9 – Evander Sno. Come rendimento, il miglior giocatore della Eredivisie. Interno destro nella mediana a tre dell’RKC Waalwijk, è stato il perno di una squadra che, partita per salvarsi, ha sfiorato la qualificazione all’Europa League. Un giocatore pienamente ritrovato.

8 – Christian Eriksen e Jordi Clasie. Quando i giovani sanno usare la testa. Il danese, classe 92, dirige il gioco in casa Ajax come un novello Litmanen. Il Feyenoorder Clasie, classe 91, è la piccola versione oranje di Xavi. Meno pubblicizzato del collega, altrettanto talentuoso.

8 – Bomber. Tanti e per tutti i gusti, come vuole la tradizione della Eredivisie. Oltre al citato Dost, ecco il panzer svedese John Guidetti (Feyenoord, in prestito dal Manchester City), il versatile Luuk de Jong (Twente), il rapace d’area siriano Sanharib Malki (Roda), il fulmine ivoriano Wilfied Bony (Vitesse).

7 – Adam Maher. La scorsa stagione nelle giovanili dell’Az, quest’anno titolare in campionato e in Europa League, fino all’ingresso nella pre-selezione dell’Olanda per Euro 2012. Nel centrocampo a tre dell’Az ha giocato indifferentemente da trequartista, da interno e da mediano. Talento dell’anno.

7 – Jeroen Zoet. Miglior portiere del campionato, nonostante la porta da difendere fosse quella del neopromosso RKC Waalwijk. In prestito dal PSV Eindhoven, quando il club della Philips deciderà di salutare Isaksson non dovrà nemmeno fingere di cercare il sostituto.

6 – John van den Brom. Tecnico specialista dei play-off di Europa League, vinti lo scorso anno con l’ADO Den Haag e quest’anno con il Vitesse. Ma potrebbe cambiare aria ancora una volta.

6- Lasse Schøne. Numero 10 atipico capace di coniugare tecnica e sostanza, il danese è uno dei giocatori più sottovalutati del campionato. Ha dovuto svincolarsi a parametro zero dal NEC per trovare un ingaggio nell’Ajax (segnale in chiave mercato: partirà Eriksen?). Sfortunatissimo in nazionale: ha saltato per infortunio i Mondiali 2010, si è beccato il girone della morte a Euro 2012.

5 – Steve McClaren. Minestra riscaldata di casa Twente, illude tutti con uno spettacolare 6-2 in casa del PSV Eindhoven prima di chiudere con un mesto sesto posto, centrando l’Europa solo per il fair-play. E con una media-punti inferiore a quella del vituperato (dalla dirigenza) predecessore Co Adriaanse.

5- Rodney Sneijder. Illude con un gol e una prestazione sontuosa al debutto. Poi si spegne rapidamente, denotando un atteggiamento di sufficienza come nemmeno il fratello maggiore. Che però, con tutto il rispetto, non gioca nell’Utrecht.

4 – PSV Eindhoven. Regina del mercato in estate, ha fallito per il terzo anno consecutivo l’approdo in Champions League. Presi singolarmente, i vari Mertens, Toivonen, Strootman, Wijnaldum, Lens e Labyad non si possono discutere. La squadra però non c’è, e la vittoria della coppa d’Olanda è un palliativo che non accontenta nessuno.

3 – Play-off Europa League. Formula quantomeno da rivedere. All’ultima giornata l’Heerenveen affrontava il Feyenoord, consapevole che in caso di sconfitta si sarebbe qualificato direttamente all’Europa League. In caso di vittoria o pareggio invece i Frisoni sarebbero stati obbligati a disputare i play-off. Ovviamente hanno perso.

2 – Ajax. La mancata cessione di El Hamdaoui alla Fiorentina lo scorso gennaio è una ripicca degna dei bambini dell’asilo. Con la differenza che questi ultimi quantomeno sono in buona fede.

Fonte: Il mondo siamo noi

lunedì 21 maggio 2012

Un business da miliardi di euro

Gli agenti dei calciatori navigano nell'oro. Per Mendes (procuratore di Cristiano Ronaldo) introiti da 369 milioni. L'italiano più famoso è Mino Raiola.

Il calcio odierno affoga nei debiti, ma nel mare dei bilanci in rosso c'è anche chi naviga comodamente a bordo di un lussuoso yacht: i procuratori. Il cui giro di affari si attesta attorno ai 400 milioni di euro annui, una cifra raddoppiata rispetto ai 200 stimati nel 2009 da un'indagine della Commissione Europea.

Questa volta i dati arrivano dalla Svizzera, e precisamente da Neuchatel, sede del Cies Football Observatory, che ha scandagliato il mercato dei trasferimenti dei 5 principali campionati europei: Premier League, Liga, Bundesliga, Serie A e Ligue 1. Per la prima volta sono stati messi nero su bianco i guadagni dei singoli procuratori e delle agenzie da loro gestite derivanti esclusivamente dalle commissioni sui trasferimenti (esclusi quindi rinnovi contrattuali e altri benefit). Ciò che emerge è un'industria che fattura non milioni, bensì miliardi di euro: 3,2 per essere precisi. A tanto ammontano i guadagni dei 20 procuratori re del mercato europeo.

Se nel ranking Uefa l'Italia scivola sempre più in basso, quando si passa dal calcio giocato agli affari non c'è Spagna o Germania che tenga. Solamente la Premier League, con i suoi 86.2 milioni di euro, supera la Serie A in quanto a commissioni pagate agli agenti. Per il resto, l'Italia supera la Spagna di 12 milioni e la Germania di 20. Quest'ultima non ha nemmeno un procuratore presente nella top 20 dei paperoni del mercato (il primo tedesco occupa il 29° posto), contro i 6 dell'Italia (prima anche nel numero di procuratori con licenza Fifa: 730), i 3 di Inghilterra e Francia, e i 2 di Stati Uniti e Olanda. Un dato che il Cies spiega con il forte investimento dei club di Bundesliga nei rispettivi vivai. Equazione semplice: maggiore è il prodotto interno, minore è l'esigenza di rivolgersi al mercato.

Il padrone del vapore dei procuratori batte bandiera portoghese: Jorge Mendes, avvocato. Con la sua Gestifute si avvicina ai 400 milioni di incassi in commissioni. È lui il capo dei capi al Real Madrid, potendo contare su un portafoglio comprendente Josè Mourinho, Cristiano Ronaldo, Pepe, Ricardo Carvalho e Angel Di Maria. La scorsa estate ha vestito di bianco, per 30 milioni, anche Fabio Coentrão. Di fronte a una tale concentrazione di potere, Jorge Valdano ha rassegnato le dimissioni da direttore sportivo. Mendes ha lavorato bene anche con l'altra squadra di Madrid, l'Atletico, curando il trasferimento del colombiano Radamel Falcao dal Porto per la cifra monstre di 40 milioni.

Alle spalle di Mendes c'è la multinazionale Wms (800 atleti di 20 discipline diverse) e l'argentino Hidalgo, che negli ultimi anni ha tolto la leadership del Sudamerica al brasiliano Juan Figer, oggi 86enne (Maradona, Socrates, Careca, e Gullit) ma ancora attivo con la Mjf. Poi arrivano gli italiani: Giuseppe Bozzo, Tullio Tinti e l'italo-olandese Mino Raiola. Quest'ultimo è ormai più famoso di tanti sui clienti: ex-pizzaiolo (curiose anche le origini dell'altro olandese in graduatoria, Rodger Lindse, che vendeva alberi di natale), sette lingue conosciute, network di amicizie pressoché illimitate. Vent'anni fa concludeva il suo primo affare: Bryan Roy dall'Ajax al Foggia. Oggi gestisce i mal di pancia di Ibrahimovic e Balotelli, offre consigli per gli acquisti agli allenatori amici (ad esempio Martin Jol, che una volta al Fulham si è portato a Londra Patim Kasami e Zdenek Grygera), e vede il podio distante "solo" 15 milioni.

A livello di club invece il maggior foraggiatore di procuratori al mondo risulta essere il Manchester City, che nel triennio 2009-2011 ha speso in commissioni 34.5 milioni di euro. Ma è riuscito a vincere la FA Cup e il titolo della Premier League, che ai «citizens» mancava da 44 anni.

Fonte: Il Giornale

martedì 15 maggio 2012

Ten Facts Behind Ajax’s Eredivisie-winning Season

Ajax have recorded yet another Dutch title success this season, keeping hold of their Eredivisie crown in impressive fashion. And there are some impressive facts and figures behind Frank de Boer and co. Inside Futbol present ten of the best on the Dutch champions:

1: Ajax ended their 2011/12 campaign with 14 straight wins. This impressive run fired the Amsterdam outfit from sixth place to win their 21st national title, overtaking Feyenoord, Heerenveen, FC Twente, PSV Eindhoven and AZ Alkmaar along the way. After a 2-0 win in Breda against NAC on 11th February, Ajax beat NEC Nijmegen (4-1), Excelsior (4-1), Roda JC (4-1), RKC Waalwijk (3-0), ADO Den Haag (2-0), PSV Eindhoven (2-0), Heracles (6-0), Heerenveen (5-0), De Graafschap (3-1), Groningen (2-0), Twente (2-1), VVV-Venlo (2-0) and Vitesse (3-1). In the club’s entire history, only two coaches have done better than Frank de Boer: Louis van Gaal in 1995 with 19 consecutive victories and Stefan Kovacs (twice), in the 1971/72 season (19) and the 1972/73 season (17). De Boer can now take his streak into the next campaign.

2: Despite being a tender 20 years of age, Christian Eriksen is Ajax’s most essential player. For the second year in a row the Denmark international has been the club’s assist king, creating 15 goals. Next best are Theo Janssen and Siem de Jong, with seven each. In 2011, Eriksen had nine assists to his name. The midfield maestro could well have played his last game for Ajax though, with the Dutch champions having signed another number 10, NEC Nijmegen’s Lasse

3: Ajax’s defence has been transformed from their Achilles heel to their strongest point within the season. At the start of the campaign, De Boer’s men only recorded their first clean sheet on 29th October after a 4-0 win over Roda JC. At the time, Ajax had conceded 20 goals in 12 games. Things changed completely in the second half of the campaign however, as in the club’s last ten matches, only three goals were let in, with central defenders Jan Vertonghen and Toby Alderwiereld, right back Gregory van der Wiel and defensive midfielder/left back Vurnon Anita, amongst the Eredivisie’s best performers.

4: Pay Less, Pay All, was a slogan thrown around by US President Barack Obama about paying tax. Ajax could easily change this to Score Less, Score All. As in 2011, the club’s top scorer could not manage more than 13 goals. One year ago it was Moroccan striker Mounir El Hamadoui, while this season the chief goal-getter was Siem de Jong, a man pushed up by De Boer after striker Kolbeinn Sigthorsson picked up an injury. Apart from the goalkeepers, in the 2011/12 campaign, almost everybody at Ajax scored at some point, with 18 players finding the back of the net.

5: Ajax striker Dmitriy Bulykin is the most efficient goalscorer in the Eredivisie, thanks to nine goals scored in only 633 minutes, making an average of one strike per 70 minutes of play. Four other Ajax players are also notable: Kolbeinn Sigthorsson (second with seven goals in 638 minutes – average 91 minutes), Lorenzo Ebecilio (14th with six in 936 – average 156 minutes), Miralem Sulejmani (15th with eleven in 1725 – average 157 minutes) and Derk Boerrigter (20th with seven in 1254 – average 179 minutes).

6: Jan Vertonghen was once again a key man in Ajax’s success. The Belgian defender, who is ready to fly the Amsterdam nest for a bigger league, is undoubtedly much better at playing football than lifting trophies though. For the second time in a row, Vertonghen came close to damaging the Eredivisie trophy, the Schaal. Last season the Belgian, along with former team-mate Maarten Stekelenburg, let it slip when on the club’s bus during Ajax’s celebration tour. And the same happened again this year, during an interview with TV channel AT5, with it slipping from his grasp. “Me and the Schaal are not made for each other,” joked Vertonghen after the trophy hit his toe.

7: Utrecht were Ajax’s bogey side throughout the season. The Dome-city club inflicted two painful defeats on De Boer’s men. First Utrecht won 6-4 at the Stadion Galgenwaar (it was the first time since 1964 that Ajax had not won a game despite scoring four goals) and the Amsterdam outfit slipped to fifth, eleven points off table toppers AZ Alkmaar. Utrecht also won 2-0 at the Amsterdam ArenA, leaving Ajax languishing in sixth, with just 14 games left.

8: In Mounir El Hamdaoui, Ajax had the Eredivisie’s highest paid player in 2011. However, the striker has not played a game since 24th April of that year, due to his troubled relationship with coach De Boer. “He will never play for Ajax again while I am head coach”, De Boer was reported to have said in the Ajax dressing room after a bust-up with the player more than a year ago. The former Barcelona defender has not changed his mind, leaving the Moroccan, who was top scorer in the 2009 Eredivisie at AZ Alkmaar, playing with the youth team for the entire season.

9: Former international Jaap Stam celebrated two titles in less than a month. The first came as Zwolle’s assistant coach, as that side won the Eerste Divisie, winning direct promotion to the Eredivisie, while Stam then joined the feast at Ajax, where he works as a coach with the club’s youth team.

10: One of the most bizarre blood relationships between two players is that concerning Ajax left winger Lorenzo Ebecilio and Excelsior attacking midfielder Roland Alberg. The two are, respectively, nephew and uncle, as Ebecilio’s mother is Alberg’s sister. Last March, Ebecilio, who is 20 years old, and Alberg (21), played together for Holland’s Under-21 side against Denmark. The two players consider themselves brothers, especially after in 2005, Alberg, with the help of a dentist, resuscitated Ebecilio after a heart-attack. Lorenzo Ebecilio also has a brother and two cousins who play football: Kyle Ebecilio (Arsenal), Jeffrey Bruma (Hamburg, on loan from Chelsea) and Marciano Bruma (Rijnsburgse Boys).

Fonte: Inside Futbol

lunedì 14 maggio 2012

Anderlecht, vittoria Standard

Ciò che il mercato toglie, talvolta restituisce. Lo sa bene l’Anderlecht, indebolito a inizio stagione dalle partenze di Mbark Boussoufa (Anzhi) e Romelu Lukaku (Chelsea), ma che domenica ha festeggiato la conquista del titolo nazionale numero 31 grazie all’1-1 casalingo contro il Club Brugge, che rende i bianco-malva irraggiungibili a due giornate dal termine dei play-off. Un successo nel quale hanno giocato un ruolo chiave due giocatori arrivati in estate proprio per sostituire le citate stelle di cui sopra: Dieumerci Mbokani e Milan Jovanovic. Attaccante il primo, esterno/ala il secondo, entrambi accomunati da un passato vincente tra le fila dello Standard Liegi, acerrimo rivale dell’Anderlecht, nonché reduci da deludenti esperienze all’estero – Liverpool per il serbo, Monaco e Wolfsburg per il congolese. I nemici di ieri sono diventati gli idoli di oggi. Un pò come Pirlo per gli juventini. L’Anderlecht ha dominato la regular season belga ma ha rischiato di impantanarsi nei play-off, come già accaduto lo scorso anno, quando venne superato da Genk e Standard. Ci ha pensato proprio la coppia Mbokani-Jovanovic a togliere le castagne dal fuoco. Il primo realizzando 4 reti in 7 partite – tra cui quella che ha permesso ai bianco-malva di espugnare il campo del Brugge secondo in classifica (“Con Mbokani il titolo lo avremmo vinto noi”, ha commentato ilt ecnico dei fiamminghi Cristophe Daum). Il secondo con tre assist nel 4-0 in casa del Genk, la squadra più in forma dei play-off. Eppure il duo non aveva iniziato la stagione nel migliore dei modi; Mbokani aveva rimediato un colpo al ginocchio al primo allenamento, mentre Jovanovic si era distinto per un’esultanza che mimava una mitragliata nei confronti dei tifosi del Club Brugge (rei di avergli gridato “Kosovo, Kosovo” per tutta la partita) che gli era costata una pesante sanzione disciplinare. Ma quando i due sono scesi in campo per la prima volta assieme, alla decima giornata, la scintilla è scattata subito: un gol a testa nel 5-0 alla loro ex squadra, lo Standard Liegi. E’ stato proprio il club vallone a fare le fortune dei due giocatori, entrambi protagonisti nei due titoli consecutivi vinti nel 2008 e nel 2009. Jovanovic è stato nominato giocatore dell’anno nel 2008 e miglior giocatore del campionato nel 2009. Mbokani per contro è stato capocannoniere dello Standard nell’anno del primo titolo e uomo-scudetto in occasione del secondo, vinto dopo uno spareggio proprio contro l’Anderlecht grazie anche a un suo gol. Curiosamente il congolese era stato ceduto ai Rouches dal club di Bruxelles, nel quale faticava a trovare a spazio. Mbokani è stato inserito nella top 5 dei candidati al titolo di miglior giocatore del campionato. Se la vedrà con Kevin De Bruyne (Genk), Vadis Odidja Ofoe (Club Brugge), Jeremy Perbet (Mons), nonché con il compagno di squadra Matias Suarez. Il fantasista argentino è stato l’uomo in più dell’Anderlecht nella prima parte della stagione, con numeri di alta classe (vedi la rete al Lokeren dove ha superato in dribbling 4 avversari) e gol a raffica (7 anche in Europa League). Poi il calo, complice anche qualche problema fisico. Le sirene d’Europa però non hanno smesso di suonare, per lui come per tutte le stelle dell’Anderlecht, dal mediano argentino Lucas Biglia al centrocampista-bomber Guillame Gillet (capocannoniere stagionale del club con 19 gol), fino agli stessi Mbokani e Jovanovic. Costringendo l’Anderlecht a tentare nuovamente di farsi restituire ciò che il mercato gli toglierà. Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

domenica 13 maggio 2012

Ajax campione d'Olanda 2011-12

Dopo sette anni di carestia, è nuovamente tempo di abbondanza in casa Ajax, che ha festeggiato il secondo titolo consecutivo, il 31esimo nella storia del club, con un turno di anticipo. L’ininfluente partita di domenica contro il Vitesse è pertanto servita solo per le statistiche. Una in particolare è importante: ad Arnhem Frank de Boer ha centrato la 14esima vittoria consecutiva in Eredivisie. Solo Stefan Kovacs nel 71-72 e Louis van Gaal nel 1995 hanno saputo fare di meglio, con 19 successi in serie. Numeri a parte, De Boer può essere considerato l’autentico artefice dello scudetto ajacide. Infortuni a raffica, caos societario, assenza di una prima punta di peso: nessun ostacolo è riuscito a fermare il suo Ajax. Più volte nel corso della stagione gli ajacidi sono stati dati per spacciati. Lo scorso novembre, dopo un clamoroso 6-4 rimediato in casa dell’Utrecht, erano scivolati a -11 dall’Az capolista. Tra gennaio e febbraio due rovesci consecutivi, 4-2 contro il Feyenoord e 0-2 casalingo contro la bestia nera Utrecht (città separata da Amsterdam da una storica rivalità), collocavano l’Ajax al sesto posto, ovvero fuori anche dalla qualificazione diretta all’Europa League. Ma proprio quando i media cominciavano a parlare senza mezzi termini di fallimento, ecco il filotto di vittorie consecutive e il super-recupero. Merito di un Christian Eriksen sempre più leader (15 assist e 7 reti, giocatore più efficace della squadra); di un Siem de Jong perfettamente calato in un ruolo, quello di prima punta, non suo; di un Vurnon Anita capace di riscoprirsi jolly a tutto campo (terzino, mediano, ala). Senza dimenticare la difesa, passata da tallone d’Achille (prima partita senza subire reti solo il 29 ottobre, 11esima di campionato) a punto di forza (3 reti subite negli ultimi 10 incontri) della squadra. E per il secondo anno consecutivo i centrali Jan Vertonghen e Toby Alderwiereld, assieme al terzino destro Gregory van der Wiel, sono schizzati ai vertici della classifica di rendimento. La sfida più dura però De Boer ha dovuto vincerla contro un nemico tutto interno, ovvero la faida societaria scoppiata tra Johan Cruijff e Louis van Gaal. Entrambi punti di riferimento dell’ex nazionale oranje, che infatti è stato tra i pochi a non schierarsi apertamente a favore di uno dei due contendenti. “Perché sarebbe come scegliere se vuoi più bene a tuo figlio oppure a tua figlia”, ha confidato De Boer a un amico. Alla fine, dopo aver spostato la battaglia sul piano legale, ha vinto Cruijff, che adesso può godersi l’imminente nomina di un nuovo board composto da personaggi di suo gradimento. E vissero (quasi) tutti felici e contenti. Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

sabato 12 maggio 2012

Courtois le indovina tutte

19 anni, e già una finale europea giocata da titolare messa a curriculum. Una finale oltretutto vinta. Il portiere belga dell’Atletico Madrid Thibaut Courtois non è certo un giocatore che dorme sugli allori. Ma, cosa ancora più importante, sa prendere le decisioni giuste. (Articolo completo su Il mondo siamo noi).

venerdì 4 maggio 2012

Interview: John Guidetti on Feyenoord, Euro 2012 and more

John Guidetti has burst onto the scene this season, going from young Manchester City starlet to one of the most deadly strikers in Holland’s Eredivisie with Feyenoord. Record after record has fallen to the 20-year-old, who is also tipped to make a big impact this summer at Euro 2012 with Sweden. Inside Futbol went to speak to the man who, in February, became only the second player in Eredivisie history to score three hat-tricks in three consecutive home games: John, one year ago you were just one of many rising talents at an English Premier League club’s academy, while now you are one of the most prolific strikers in Europe. How do you feel? I am extremely proud about what we [Feyenoord] have done. When I came to Rotterdam last summer, I heard that last season Feyenoord finished tenth and their aim was to grab sixth spot. We’ve gone beyond all expectations, also considering our budget. If you look at Ajax, they spent €17M on just one player, Miralem Sulejmani. Feyenoord built a team for the price of some cheeseburgers. What is the secret behind Feyenoord’s outstanding performances? In my opinion a winning team is often made by a good balance between experienced and young players. Last season it was hard for Feyenoord, while this time we are fighting for the title, or at least a Champions League spot. And we’ll keep going until the end. It is often said that working under coach Ronald Koeman is not easy. What’s your opinion about that? Ronald Koeman is like a father to me. And, as happens with every father, sometimes you love him and sometimes you hate him. After a discussion however, I often find out he was right. What has impressed you the most about your experience in Holland? Feyenoord’s supporters; they are incredible. Last season, the week after they lost 10-0 against PSV Eindhoven, there were 49,000 at De Kuip. Where in the world could you find such faith? You’ve said you don’t feel pressure, because pressure is your drug. Did you think the same thing even in your first few games at De Kuip? I can’t say I was the quietest guy in the world during those moments: Especially when I had to take a penalty. It is not easy for a 19-year-old to take one in front of thousands and thousands of spectators. But you are on the stage, and you must play. Speaking of playing in the Eredivisie, will you be in the league next season? I can say one thing for sure: My aim is to play. This is the reason why last summer I chose Feyenoord. That is the same for my future. I’m looking for a club that tells me ‘John, you are our first or second striker. Here’s the number 9 or 10 shirt’. At Manchester City they gave me the number 60 shirt! Obviously I’m looking forward to playing in a top team and it will be important what City decide to do next summer. For me and my career, playing as a regular in the current season has been fundamental. You’re surely heading to Euro 2012 this summer with Sweden. What are your expectations for the tournament in Poland and the Ukraine? I’m very confident about Sweden’s chances. Our team is really competitive. If someone thinks we’re simply a “Zlatan Ibrahimovic plus ten other players” team, they are making a big mistake. Zlatan of course is our top player, but we shouldn’t forget footballers like [Johan] Elmander, [Kim] Kallstrom, [Pontus] Wernbloom or Ramsus Elm, who are all performing well in the leagues where they play. Do you think Sweden could be dark horses at Euro 2012? It is surely our intention to be the surprise package of Euro 2012. Recently we beat a strong Croatia team away from home and of course, nobody can forget what Greece did in 2004. It is important to remember that the European Championship is a tournament without underdogs. Apart from co-hosts Ukraine, your opponents in the group stage will be England and France. Who do you fear the most, Wayne Rooney or Karim Benzema? My philosophy is respect for everyone but fear of no one – neither England or France. It will be a pleasure to play against them. Those will be difficult games for us, especially when you face international stars such as those players you mentioned. However, we don’t have to suffer any kind of inferiority complex against any opponents. What can you tell us about the time you spent in Kenya when you were young? It’s a different experience from that of many European players. I lived in Kenya from the age of three to six, and then again from ten to twelve. My father worked for a school project in Kibera, a large slum area in Nairobi. There the rich men were not good at football, so I preferred to stay with the poor. I played barefoot even if I had a pair of shoes, because I did not want to be different to my team-mates. I went to school barefoot too. How much can growing up in Africa change people’s way of approaching life? A lot. When you see two fishermen trying to steal each other’s fishing nets, or when you hear that one of the guys you played against was shot dead by the police after a robbery, you see life through different eyes. Your father has played a key role in your career, hasn’t he? For sure. I’ve got a strong link with him and my family. Sometimes it is difficult to play in a foreign country, far from your loved ones. However, this is the price you must pay to get to the top. And even if it is difficult, I know I am doing this for a good purpose. Who is your idol in football? When I was a kid I liked Roberto Baggio and Christian Vieri. At the 1998 World Cup in France I supported Italy, not Sweden. Now in my opinion Ibrahimovic is at the top. I like him both as a footballer and as a person. An out of the ordinary guy, who always does things on his own. Turning away from strikers, who is the toughest defender you have ever played against? Vincent Kompany. No doubt about it. And finally, at Manchester City, what is the most bizarre thing to have happened to you? Once, in the dressing room, I found my football boots cut in two. Unfair competition, you know. Fonte: Inside Futbol

giovedì 3 maggio 2012

Il poker di Van Wijk

Conducendo il Charleroi alla promozione nella massima divisione belga, l’olandese Dennis van Wijk si è confermato uno specialista del salto di categoria, centrato - sempre in Belgio - per la quarta volta in carriera. Van Wijk ha iniziato nella stagione 97/98 con l’Oostende, proseguendo nel 04/05 con il Roeselare. La passata stagione è toccato al Mons essere riportato in Jupiler Pro League. Torneo che Van Wijk ha salutato a febbraio per contrasti con il club vallone. Ecco quindi lo Charleroi, con il quale ha centrato il proprio personale poker. Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

mercoledì 2 maggio 2012

Daum, aria nuova a Brugge

La disciplina è fondamentale per il successo. Ma non esiste nulla come il successo per distruggere la disciplina”. Davanti a un microfono Christoph Daum è sempre un fiume in piena, e massime come quella sopra riportata sono all’ordine del giorno. Parole, parole, parole. Ma anche fatti, come certificato da una carriera che lo ha visto vincere il titolo nazionale in tre paesi diversi (in Germania con lo Stoccarda, in Austria con l’Austria Vienna, in Turchia con Besiktas e Fenerbahce). Il suo personale poker il tecnico tedesco lo sta cercando in Belgio, alla guida di un Club Brugge in astinenza di trofei da cinque stagioni. Non facile, in un ambiente ambizioso in estate e puntualmente depresso in primavera. Eppure la principale antagonista della favorita Anderlecht rimane il Club Brugge di Daum, ancora in corsa nonostante il ko di domenica nello scontro diretto. “Difendere? Significa attaccare senza palla”. Così si è presentato Daum nello spogliatoio del club fiammingo lo scorso novembre, all’indomani dell’esonero di Adrie Koster. E proprio su un approccio alla gara più calcolato e speculativo il tedesco ha plasmato la squadra, imponendole un’inversione di rotta a 180 gradi rispetto alla mentalità ultra-offensiva, ma spesso anche anarchica, di Koster. I blauw-zwart (nerazzurri) hanno fatto dell’efficacia e del cinismo la loro bandiera, tanto che la stampa belga non ha esitato a parlare di “punteggio-Daum” ogni qualvolta il Brugge si è imposto 1-0. Un risultato che da novembre a oggi si è verificato 8 volte. Il Motivatore (così è chiamato Daum in Germania) fa spallucce. “Critiche che non mi sfiorano neppure. Dopo aver allenato in Turchia, la pressione non so più cosa sia”. Scudetto o meno, quello tra Daum e il Club Brugge è stato un matrimonio felice. Per il tecnico l’avventura in Belgio ha significato rimettersi in pista dopo la retrocessione in Zweite Bundesliga con l’Eintracht Francoforte, ma anche dopo la battaglia, vinta, contro un tumore alla pelle. I fiamminghi per contro hanno ritrovato competitività, tornando a lottare per il titolo a dispetto di una rosa qualitativamente inferiore all’Anderlecht. Senza contare i giocatori rivitalizzati: la punta nigeriana Joseph Akpala, tornata in doppia cifra dopo due annate deludenti; il talentuoso classe 89 Vadis Odjidja-Ofoe, centrocampista di lotta e di governo che ha finalmente dimenticato le “balotellate”; il centrale difensivo Ryan Donk, capace di mostrare tutto il proprio valore una volta che le scorribande avversarie nelle praterie create dal modulo-Koster sono state drasticamente ridotte grazie ad un solida cerniera in mediana, cementata dall’ex Udinese Niki Zimling. Dove non può arrivare nemmeno l’organizzazione, ci pensa la scaramanzia. Ovvero, nel caso di Daum, un proiettile. “Me lo diede un’anziana signora quando allenavo il Colonia. Venne sparato nella Prima Guerra Mondiale. La donna lo tenne con sé e sopravvisse a due guerre. Quell’anno centrai la promozione con il Colonia, e da allora non ho più tolto il proiettile dalla giacca. Perché nel calcio puoi costruirti il futuro al 99%, ma rimane sempre quell’1% di casualità che può mandarti a gambe all’aria”. Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

martedì 1 maggio 2012

Bast Dost, nuovo bomber oranje

Fino alla scorsa stagione Bas Dost sembrava il cugino scarso di Mario Gomez: leve lunghe, movimenti legnosi, scarso apporto al gioco collettivo. Il tutto era unito a medie realizzative poco esaltanti. Altro che erede di Van Nistelrooy e Huntelaar, due attaccanti che hanno fatto la fortuna (economica e d’immagine) del club Frisone; pur di non far giocare Dost, il tecnico Ron Jans schierava come punta centrale Viktor Elm, un centrocampista. Ad un tratto però il brutto anatroccolo è diventato cigno, ed ecco che la Eredivisie si ritrova un capocannoniere olandese dopo tre stagioni di dominio “straniero”. L’ultimo bomber oranje è stato, nel 2008, proprio Huntelaar. Che Dost potrebbe raggiungere a breve in Bundesliga, alla luce della recente visita a Wolfsburg per un colloquio con Felix Magath. Per Dost parlano i numeri: 30 gol in 32 partite di campionato, cinque doppiette, due triplette e una cinquina (lo scorso dicembre in casa dell’Excelsior). Aggiungendo anche le 6 reti realizzate in coppa d’Olanda il totale stagionale sale a 36, con il record assoluto nella storia del club, stabilito nella stagione 2006/07 dal brasiliano Afonso Alves, distante solamente una marcatura. La trasformazione di Dost è stata tale sotto ogni punto di vista: quantitativo, qualitativo e tattico. Il ragazzone di Deventer segna tanto, in diversi modi (destro, sinistra, testa) e partecipa attivamente alla manovra, come dimostrato dai 7 assist realizzati. “Non sono Zlatan, non posso risolvere le partite da solo, ma so come fare vincere la squadra”. Parole semplici ed essenziali, come lo stile di Dost. Il cui exploit, unito alla rinascita dell’Heerenveen, assomiglia un po’ alla storia dell’uovo e della gallina. La scorsa stagione l’Heerenveen languiva a metà classifica, con Dost - pagato 3 milioni di euro all’Heracles Almelo l’estate 2010 - immalinconito in panchina. Evidente il difetto di comunicazione con Jans. Ma il tecnico aveva due anni di contratto con i Frisoni, e Dost rappresentava un investimento per il futuro. Così a fine campionato la dirigenza ha convocato i due per mettere le cose in chiaro: “La prossima stagione Jans sarà ancora il nostro allenatore, e Dost ancora la nostra prima punta. Regolatevi di conseguenza”. Risultato: Heerenveen in zona Champions. Ma è stato Dost a portare l’Heerenveen in alto, o viceversa? L’importante è non chiederlo al diretto interessato, né al suo allenatore. Potrebbero ricominciare a litigare. Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time

La doppietta di Stam

Due campionati da festeggiare con due squadre diverse. Jaap Stam è vicino a un singolare doppio brindisi; con l’Ajax per il titolo di campione d’Olanda, e con lo Zwolle per la promozione diretta in Eredivise. Quest’ultima è diventata ufficiale per il club dell’Overijssel, del quale l’ex nazionale olandese è vice-allenatore, dopo lo 0-0 di venerdì contro il Fc Eindhoven. Ci vorrà invece un po’ più di pazienza per il titolo dell’Ajax, per il quale Stam svolge il ruolo di preparatore individuale dei difensori delle giovanili. Gli ajacidi sono primi con 3 punti di vantaggio sull’Az a 4 turni dal termine, e possono beneficiare di un calendario piuttosto agevole. Stam è un allenatore mancato solamente per una mera questione di comunicazione. Quando nel 2007 aveva deciso di appendere le scarpe al chiodo, la Federcalcio olandese gli aveva proposto l’iscrizione al corso breve per il patentino di allenatore. Un invito che il gigante di Kampen, a differenza di alcuni suoi ex compagni in maglia oranje quali Frank de Boer e Philip Cocu, aveva declinato. “All’epoca volevo solo staccare la spina”, ricorda Stam. “Mi sarei iscritto all’edizione successiva. Peccato che nessuno della Federazione mi avvisò che nel frattempo era stata decisa l’eliminazione del corso breve. E adesso quello nuovo dura tre anni”. Stam è pertanto costretto a svolgere il ruolo di allenatore-ombra nello Zwolle, lasciando le luci della ribalta all’ex tecnico delle giovanili Art Langeler, inserito nella cinquina in lizza per il premio di allenatore olandese dell’anno. Ma nell’ottimo campionato degli ambiziosi lupetti, freschi della firma di un accordo di partnership con il Real Madrid, sono in molti a vedere l’impronta dell’ex difensore di Lazio e Milan. Diverso invece il ruolo rivestito nell’Ajax, dove Stam è uno dei numerosi ex-ajacidi (tra cui Bergkamp, Jonk e Overmars) che curano la formazione dei giovani del vivaio attraverso specifiche sedute dedicate al singolo giocatore, così come previsto dalla filosofia-Cruijff. L’ambito di competenza di Stam è ovviamente la difesa, e il suo “prodotto” più recente risponde al nome di Ricardo van Rhijn, brillante centrale classe 91 entrato lo scorso dicembre in pianta stabile nella selezione maggiore di mister De Boer. Se il futuro di Van Rhijn, appare tinto di oranje (è nazionale under-21), quello di Stam si riassume in un’unica parola: hoofdcoach, allenatore-capo. Grinta, sapienza tattica e sguardo truce sono rimasti quelli degli anni d’oro. Come quando al Milan minacciava i compagni dopo un angolo concesso agli avversari. “Se prendiamo gol, vi ammazzo tutti”. Chi oserebbe contraddire un tipo così? Fonte: la Gazzetta dello Sport-Extra time

martedì 24 aprile 2012

Dio salvi la regina (e Wayne Rooney)

Wayne Rooney salterà per squalifica i primi due incontri dell’Inghilterra a Euro 2012, avversarie rispettivamente Francia e Svezia. I numeri della Premier League, il campionato numero uno al mondo in termini qualitativi, dicono chiaramente che un sostituto dell’attaccante del Manchester United non esiste. Non solo dal punto di vista del talento, ma anche da quello meramente realizzativo. (Articolo completo su Il mondo siamo noi).

mercoledì 11 aprile 2012

Malki, il tank non fa la guerra

Nel film Jimmy Grimble un paio di scarpini da calcio magici riuscivano a trasformare un timido ragazzino in un piccolo campione. Qualcosa di simile deve esistere nei dintorni di Kerkrade, città dell’Olanda meridionale dove ha sede il Roda. Una squadra di centro-classifica della Eredivisie ultimamente specializzatasi nel rivitalizzare attaccanti dalla carriera anonima. Come il danese Mads Junker, 17 gol in tre stagioni e mezza nel Vitesse, 47 in due anni abbondanti nel Limburgo. O come il siriano Sanharib Malki, punta 28enne mai così prolifica come nell’attuale stagione. I numeri non mentono: 21 reti in 27 partite, vice-capocannoniere del campionato a quattro lunghezze dal gigante dell’Heerenveen Bas Dost. Malki però ha una media-reti effettiva più alta: un gol ogni 95 minuti. Meglio di lui solamente John Guidetti (uno ogni 86), suo avversario nel prossimo turno; e l’ajacide Bulykin, panchinaro goleador (8 centri in soli 579 minuti giocati, media di 72).

Arrivato in Limburgo in estate a parametro zero dai belgi del Lokeren, Malki ha sorpreso non solo per la facilità nel trovare la via della rete, ma anche per la fisicità in area di rigore, tanto da meritarsi il soprannome di carro armato di Damasco. Un nick che il diretto interessato non gradisce. In primo luogo perché nel suo paese, del quale non parla molto volentieri, è in atto una guerra vera. E poi lui con la capitale siriana non ha nulla a che vedere, dal momento che è originario Al Qamishli, città sita nel nord-est del paese nei pressi del confine con la Turchia. La sua famiglia, appartenente alla minoranza assiro-cristina della Siria, è migrata verso Occidente oltre 20 anni fa alla ricerca di condizioni di vita più agiate, disperdendosi in vari luoghi: Germania, Svezia, Turchia, New York. Al giovane Sanharib è toccato Jette, un piccolo comune nei pressi di Bruxelles.
Proprio nel club locale è iniziata la sua avventura nel calcio. “Mi presentai a un provino”, racconta il giocatore, “mi chiesero dove giocavo e in che ruolo. Gioco nel parco - risposi - e segno tanto. Feci una partitella, vincemmo 5-1 e segnai un poker. Promosso”.

Malki ha debuttato da pro nel 2004 con l’Union Saint-Gilloise. Poi sono arrivati Roeselare, Germinal Beerschot (16 reti nella stagione 07/08) e Lokeren, esperienza quest’ultima parecchio deludente e terminata con un prestito di sei mesi ai greci del Panthrakikos. La parabola discendente del siriano (che ha scelto di difendere i colori del proprio paese di origine anziché del Balgio) si è interrotta con il passaggio in Olanda. Nel 2012 Malki non è andato a bersaglio solamente in due delle 11 partite disputate; a febbraio contro il De Graafschap e domenica contro il twente. Le sue reti stanno permettendo a una squadra dalla difesa-colabrodo (59 gol subiti in 28 incontri) quale il Roda di lottare per l’ultimo posto disponibile per i play-off di qualificazione all’Europa League.

Fonte: la Gazzetta dello Sport - Extra Time

martedì 10 aprile 2012

Il Paperone della Eredivisie? Non gioca mai

Poteva diventare viola di maglia, invece Mounir El Hamdaoui lo è rimasto solo di rabbia. Mobbizzato e mazziato dall’Ajax in una vicenda al confine tra il thriller e la farsa, tra fideiussioni richieste a banche ormai chiuse (la tesi sostenuta dal giocatore) e risoluzioni contrattuali bloccate dal mancato accordo su una eventuale buonuscita (la versione dell’Ajax). Tanti misteri, un’unica certezza: per El Hamdaoui niente Fiorentina, ma una ulteriore mezza stagione di esilio al De Toekomst di Amsterdam nello Jong Ajax, la squadra Primavera del club ajacide.

El Hamdaoui e l’Ajax vivono da separati in casa da quasi un anno. L’ultima partita ufficiale dell’attaccante marocchino-olandese risale al 24 aprile 2011, all’Amsterdam Arena contro l’Excelsior. I problemi però erano iniziati con il cambio di panchina tra Martin Jol e Frank de Boer, avvenuto nel dicembre 2010. El Hamdaoui perdeva un tecnico “amico” (nel 2005 Jol lo aveva voluto al Tottenham, cinque anni dopo aveva convinto l’Ajax a pagarlo 5 milioni di euro all’Az) e ne trovava uno con il quale le frizioni erano state immediate. Fino alla rottura primaverile, sancita da un brusco confronto nello spogliatoio e dalla successiva dichiarazione di De Boer: “El Hamdaoui non metterà più piede in prima squadra”. Promessa mantenuta anche quando, nell’attuale stagione, l’Ajax ha perso per infortunio tutte le prime punte in rosa: Sightorsson, Bulykin e Siem de Jong. Un ostracismo che oltretutto ha causato al giocatore la mancata convocazione nel Marocco per la Coppa d’Africa 2012.

La carriera di El Hamdaoui è sempre stata un’altalena. Figlio di immigrati marocchini, nasce a Rotterdam nel quartiere multiculturale di Kralingen, lo stesso di Robin van Persie. Inizia ala sinistra nel club cittadino dell’Excelsior; 28 reti in una stagione e mezza lo portano in Inghilterra, ma al Tottenham c’è troppa concorrenza: Defoe, Robbie Keane, Kanoutè, Mido. Scende nella B inglese (Derby County), troppo poco tecnica per le sue caratteristiche, quindi opta per un ritorno in Olanda. Nel Willem II è sfortunato: il menisco finisce in frantumi e lo mette ko quasi un’intera stagione. Lo rispolvera Louis van Gaal nel suo Az Alkmaar. Primo anno di assestamento, poi il botto: 23 reti, capocannoniere e miglior giocatore della Eredivisie nell’anno (2009) dello scudetto dell’Az. El Hamdaoui trova la via del gol in tutti i modi: di testa, di destro, da lontano, in acrobazia. La stagione successiva rimane ad Alkmaar nonostante il club sia sull’orlo della bancarotta, e chiude nuovamente in doppia cifra (20 gol).

Poi arriva l’Ajax. La partnership con Luis Suarez inizia col botto (il meglio in Champions contro il Milan, con l’uruguaiano che si beve la difesa rossonera e manda in rete il compagno) e finisce a botte. I due vengono alle mani negli spogliatoi. A gennaio Suarez firma per il Liverpool, mentre El Hamdaoui finisce ai margini. Curiosamente però è risultato, con 2.1 milioni di euro, il giocatore che ha guadagnato di più in Olanda nell’anno 2011. E’ insomma lui il paperone della Eredivisie. Peccato che non giochi mai.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Extra Time